Costruzione di una metodologia di supporto alle decisioni per la scelta del miglior sistema di raccolta differenziata da applicare in ambito urbano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Costruzione di una metodologia di supporto alle decisioni per la scelta del miglior sistema di raccolta differenziata da applicare in ambito urbano 10 dell’Ambiente insieme con il Consorzio Nazionale Imballaggi (Conai), durante la “1/a giornata nazionale del riciclo e della raccolta differenziata di qualità” svoltasi il 2 ottobre 2010 in 20 città italiane, ha divulgato le “10 regole d’oro” per conseguire una raccolta differenziata di qualità: 1. Separare correttamente gli imballaggi in base al materiale di cui sono fatti e introdurli nell’apposito contenitore per la raccolta differenziata; 2. Schiacciare lattine e bottiglie di plastica richiudendole poi con il tappo e comprimere carta e cartone, così da ridurre il volume dei rifiuti; 3. Dividere, quando è possibile, gli imballaggi composti da più materiali, ad esempio i contenitori di plastica delle merendine dalla vaschetta di cartone oppure i barattoli di vetro dal tappo di metallo; 4. Togliere gli scarti e i residui di cibo dagli imballaggi prima di metterli nei contenitori per la raccolta differenziata; 5. Sapere che la carta sporca (di cibo come i cartoni della pizza, di terra, di sostanze velenose come solventi o vernici),i fazzoletti usati e gli scontrini non vanno nel contenitore della carta; 6. Fare attenzione a non mettere nel contenitore del vetro oggetti in ceramica, porcellana, specchi e lampadine; 7. Riconoscere e conferire correttamente gli imballaggi in alluminio. Oltre alle più note lattine per bevande, separare anche vaschette e scatolette per il cibo, tubetti, bombolette spray e il foglio sottile per alimenti; 8. Riconoscere e conferire correttamente gli imballaggi in acciaio, che solitamente riportano le sigle FE o ACC. Essi si trovano su barattoli per conserve, scatolette del tonno, lattine e bombolette, fustini e secchielli, tappi corona e chiusure di vario tipo per bottiglie e vasetti; 9. Introdurre nel contenitore per la raccolta differenziata della plastica tutte le tipologie di imballaggi. Fare attenzione a non introdurre altri oggetti, anche se di plastica, come giocattoli, vasi, piccoli elettrodomestici, articoli di cancelleria e da ufficio; 10. Ricordare che se ci sono imballaggi in legno, essi dovranno essere portati alle isole ecologiche comunali attrezzate. Cassette per la frutta e per il vino,

Anteprima della Tesi di Sonia Di Dato

Anteprima della tesi: Costruzione di una metodologia di supporto alle decisioni per la scelta del miglior sistema di raccolta differenziata da applicare in ambito urbano, Pagina 11

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Sonia Di Dato Contatta »

Composta da 300 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 518 click dal 11/12/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.