Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Relativismo linguistico: l'efficacia della traduzione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

raggiunto un alto livello di evoluzione e di perfezione, ed è quindi essenziale per la cultura stessa. 1 La lingua, così come la descrive Edward Sapir è un “sistema di simboli fonetici per l’espressione di pensieri e di sentimenti comunicabili” . 2 La  lingua  ha  il  potere  di  analizzare  l’esperienza  in  elemen  teoricamente  separabili  e   di   creare   quel   mondo   del   potenziale   che   si   fonde   gradualmente   col   reale,   che   permee  agli  esseri  umani  di  trascendere  il  dato  immediato  della  loro  esperienza   individuale  e  di  partecipare  ad  una  più  vasta  comprensione  comune . 3 Essa permette di attuare un processo di generalizzazione del dato reale, che viene quindi elaborato e fissato all’interno della mente del parlante, e che di conseguenza influenzerà il suo modo di parlare e di vedere la realtà esterna. Più aumenta la conoscenza scientifica del mondo esterno più ci saranno implicazioni linguistiche che a loro volta influenzeranno il pensiero che, in questo modo, si farà più articolato e sarà in grado di rispondere agli stimoli provenienti da una realtà sempre più evoluta. Quindi, per quanto i nostri metodi di interpretazione del reale possano divenire sempre più sofisticati e per quanto essi possano cercare di adattarsi all’inevitabile evoluzione che caratterizza i nostri tempi, noi, o meglio il nostro pensiero, non ci discostiamo mai dal continuo trasferimento di relazioni e interpretazioni suggerite dalle forme del nostro parlare. È logico dire che la lingua ha funzione comunicativa, ma allo stesso tempo non si può negare il fatto che esista la possibilità di raggiungere un efficace livello di comunicazione anche senza adoperarla concretamente. Essa svolge infatti un ruolo fondamentale anche in contesti non comunicativi, poiché stabilisce l’organizzazione simbolica del pensiero, il quale senza la lingua appunto, difficilmente può essere considerato tale. Per questo motivo la lingua Sapir, E., Cultura, linguaggio e personalità, Torino, 1972, p.2 1 Sapir, E., Cultura, linguaggio e personalità, Torino, 1972, p.2 2 Ivi, p.7 3 4

Anteprima della Tesi di Letizia Riccelli

Anteprima della tesi: Relativismo linguistico: l'efficacia della traduzione, Pagina 5

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Letizia Riccelli Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1080 click dal 14/09/2016.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.