Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valore agronomico ed effetti ambientali del compost da digestato

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 • Erosione del suolo: 1,3 milioni di km 2 di superficie colpita. Circa il 20% di queste aree subisce una perdita di suolo superiore a 10 t/ha/anno. Oltre ad essere un problema per le funzioni del suolo ha ricadute anche sulla qualità delle acque dolci. • La desertificazione: sebbene non sia ancora stata condotta, a livello europeo, una valutazione scientificamente fondata, un fattore che certamente contribuisce alla desertificazione è l’evoluzione negativa della capacità produttiva. Se altri fattori lo confermeranno, questo elemento potrebbe indicare un aumento della desertificazione in Europa. • Salinizzazione: l’acqua per irrigazione, anche se di alta qualità, contiene minerali e sali che gradualmente si accumulano nel terreno, causando salinizzazione. Il continuo espandersi dell’irrigazione, e i relativi problemi legati a scarsità delle acque e crescente ricorso ad acque sotterranee di qualità non ottimale, accelerano il processo di salinizzazione, con effetti sulla fertilità del suolo. • Acidificazione: il deposito di inquinanti atmosferici acidificanti (come ammoniaca, anidride solforosa e ossidi di azoto) abbassa il pH del suolo modificandone l’ecosistema, mobilizzando metalli pesanti e riducendo i raccolti. • Smottamenti del terreno nelle zone di collina e montagna (Commissione europea, 2012). Considerati tutti questi aspetti che portano quindi ad una limitazione nella quantità di terreni coltivabili e alla conseguente diminuzione delle produzioni, l’UE nel prossimo futuro dipenderà ancora di più, dalle proprie risorse limitate di terreni (che comprendono alcuni tra i suoli più fertili del pianeta) e dal loro uso sostenibile. L’importanza del suolo e della sua protezione è riconosciuta a livello internazionale e nell’UE. A partire dal 1992 al vertice di Rio, durante la Conferenza delle Nazioni Unite su ambiente e sviluppo i Paesi partecipanti hanno adottato dichiarazioni importanti su questo tema, che nella convenzione delle Nazioni Unite del 1994 sono state riprese e tramutate in scopi da raggiungere come prevenire e ridurre il degrado del terreno, recuperare il terreno parzialmente degradato e bonificare il terreno parzialmente desertificato, per impedire o rallentare il fenomeno della desertificazione. Nel 2001 all’interno del sesto programma di azione in materia di ambiente della Comunicazione della Commissione (Ambiente 2010: il nostro futuro, la nostra scelta" /*COM/2001/ 31), vi era come obiettivo principale la protezione del suolo da erosione e inquinamento; sempre nello stesso anno nella strategia

Anteprima della Tesi di Alessio Nobile

Anteprima della tesi: Valore agronomico ed effetti ambientali del compost da digestato, Pagina 7

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Agraria

Autore: Alessio Nobile Contatta »

Composta da 105 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 47 click dal 13/06/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.