Skip to content

Francesca da Rimini

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 9 9 Giovanni detto il Ciotto (zoppo, sciancato) da cui appunto Gianciotto (1244 ca.-1304). Con tale soprannome sono siglati i documenti che ci restano di lui (cfr. FRANCESCO TORRACA, Fatti e scritti di Ugolino Buzzola , in Studi Danteschi , VII, 1912, pp. 187-211) figlio di Malatesta da Verrucchio e di Concordia. Durante la reazione ghibellina del decennio 1273-1283 combatté a fianco della fazione guelfa; nel 1275 corse in aiuto di Guido Minore, suo futuro suocero, nella conquista del potere sulla città di Ravenna; nel 1285 venne eletto alla podesteria di Pesaro. Il 5 maggio 1288 i Malatesta vennero cacciati dalla città, che rimase sotto l’influenza preponderante dei ghibellini. La reazione fu immediata: Gianciotto strappò ai riminesi Santarcangelo, mentre Malatestino occupò Montescudo. Pesaro gli ridiede la podesteria altre quattro volte: nel 1291, nel 1294, nel 1296 e nel 1304, anno in cui si colloca la sua morte. Dopo la morte di Francesca, Gianciotto si risposò con Zambrasina, figlia di Tebaldello Zembrasi, dalla quale ebbe cinque figli. 10 Malatesta da Verucchio (1212-1312) fu podestà di Cesena nel 1292. Ciò gli procurò un largo prestigio nella regione e gli spianò la via al dominio signorile su Rimini. Dante lo rievoca assieme al figlio Malatestino proprio nel momento decisivo dell’ascesa di questa famiglia verso la tirannide, quando, cioè, essi, dopo aver superato le resistenze dei populares riminesi, riescono pure a vincere nel 1295 l'opposizione dei Parcitadi, sterminandoli, esiliandoli e facendo fra gli altri prigioniero il loro capo È da pensare che Francesca, che testimonianze di poco posteriori alla sua morte qualificano bellissima e di animo altero, fosse educata secondo le convenienze della sua condizione sociale e secondo le usanze dell’epoca. La sua fanciullezza, come quella della sorellina Samaritana, si svolse nel silenzio e nella austerità cui la obbligarono le vicende della famiglia. Scarsa l’istruzione, rari i divertimenti, intense le pratiche religiose. [...] Un raggio di sole parve entrare nella monotonia della sua giovinezza, quando le fu annunciato che sarebbe andata sposa al secon 0dogenito di una nota e potente casa [...] Il pa sso a ppe na le tto c i c onfe rma c he le noz z e (se c ondo un’usa nz a de ll’e poc a ) e ra no sta te c ombina te da lle fa miglie de i due futuri sposi pe r ra gioni politic he : Fra nc e sc a sa re bbe dovuta dive nta re moglie di Gia nc iotto Ma la te sta 9 , signore di R imini. L e noz z e e ra no sta te c ombina te da lle fa miglie il 25 luglio 1266 – sta ndo a llo strume nto dota le re da tto in c a sa di Guido Minore c on il qua le il pa dre di Gia nc iotto, Ma la te sta da Ve ruc c hio 10 , ric e ve tte in dote 2456 lire ra ve nna ti, di c ui 2000 in de na ro c onta nte e il
Anteprima della tesi: Francesca da Rimini, Pagina 4

Preview dalla tesi:

Francesca da Rimini

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Giansiracusa
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Lettere
  Corso: Lettere moderne
  Relatore: Sandro Gentili
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 151

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

rimini
malatesta
dante
d'annunzio
paolo
francesca
pellico
polenta
zandonai
gianciotto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi