Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli effetti delle politiche di aggiustamento strutturale del Fmi sulla povertà. Il caso del Messico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1.1.4 Struttura socio-demografica. Il Messico conta quasi 83 milioni di abitanti, con una densità modesta, solo 43 ab. per kmq. Più della metà dei Messicani vive sul 14% della superficie totale, ossia nella capitale e nelle regioni che vanno da Veracruz a Guadalajara. L'indice più preoccupante del quadro demografico del Paese è quello relativo all'incremento demografico annuo che è pari al 2%. Il 42% della popolazione è al di sotto dei 15 anni. Prospettive, quindi, di crescita demografica molto rapide, con un’incisione sostanziale sul livello di vita, sulla distribuzione della ricchezza e sullo sviluppo economico del Messico. Il family planning in teoria è un progetto governativo perseguito dagli operatori sociali e sanitari, sparsi su tutto il territorio nazionale. Di fatto, è un progetto vuoto che stenta a decollare ed ha un'applicazione molto parziale, data la diffusione della fede cattolica e la famiglia numerosa come principio radicato profondamente nella coscienza dei Messicani 1 . A questo si aggiunga disinformazione rispetto all'uso dei contraccettivi, la loro parziale diffusione, almeno nei villaggi e nei piccoli centri, e il loro costo proibitivo. Per quanto riguarda la struttura della popolazione le statistiche dicono che i Messicani si dividono in meticci (55%), indios(29%), in bianchi o creoli(15%), in neri e in asiatici(1%). In crescita costante il primo gruppo, maggioritario e meticciato da mille apporti di popoli differenti. Un cocktail davvero interessante e multietnico. In calo i creoli, ossia i bianchi, eredi degli hidalgos spagnoli, come pure gli indios. Le comunità indigene registrano un forte calo numerico: assediate dall’urbanizzazione, dalla povertà e dalla perdita delle terre comuni, subiscono l'integrazione che sovente le costringe alla perdita della propria identità e della propria cultura. Tutto questo è motivo di tensioni e di scontri sociali, come quelli scoppiati nel 1994 nel Chiapas. La Selva Lacandona è stato fino a quest anno il centro dei guerriglieri zapatisti che rivendicano più sostanziali interventi governativi a favore degli indios e maggiori poteri. I 40 gruppi etnici di origine amerinda vivono soprattutto nelle regioni meridionali del Paese. Quelli più numerosi sono gli indios parlanti idiomi náhuatl; gli Otomíes e i Taraschi nell'Altopiano Centrale; gli Huastecos sulla costa del Golfo del Messico; i Maya nella penisola dello Yucatán; gli Zapotecos e i Mixtecos nello Stato di Oaxaca, i Mazatecos lungo il Rìo Papaloapan; gli Yaquis nello Stato di Sonora; gli Huicholes e i Tarahumaras nel nord; i Tzeltates e i Tzotziles nel centro del Chiapas. Per quanto riguarda la lingua che queste diverse etnie parlano lo spagnolo è la lingua ufficiale del Messico. Lo spagnolo non è parlato dal 2% della popolazione globale messicana che usa solo il proprio idioma indio. Gli analfabeti, che sono pari al 12%, si concentrano in massima parte nelle comunità indigene. 1.2 Breve storia economica del Messico dal 1940 al 1994. Durante la Seconda Guerra Mondiale il Messico conosce un periodo fortunato dal punto di vista della crescita economica (Looney, 1978, citato in Székely,1998) . Le cause dello sviluppo del paese in questo periodo risultano essere di due tipi: esogene ed endogene. Tra quelle esogene c’è sicuramente la guerra, che incrementa le esportazioni di manufatti e prodotti agricoli, ma hanno un ruolo rilevante anche le rimesse degli emigranti messicani e il turismo. Il flusso di capitali in entrata conduce alla causa di sviluppo endogena, cioè la creazione di un sistema bancario che ne regoli e gestisca l’andamento. A questo scopo viene conferito al Banco de Mexico potere di controllo discrezionale sugli investimenti diretti da parte degli investitori stranieri e sulle banche private nel 1941. 1 Ogni donna ha in media circa quattro figli.

Anteprima della Tesi di Maria Moretti

Anteprima della tesi: Gli effetti delle politiche di aggiustamento strutturale del Fmi sulla povertà. Il caso del Messico, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Maria Moretti Contatta »

Composta da 62 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5441 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.