Skip to content

Gli effetti delle politiche di aggiustamento strutturale del Fmi sulla povertà. Il caso del Messico

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Nel dopoguerra si cerca di potenziare il nascente settore manifatturiero e lo Stato sceglie di adottare a questo scopo delle strategie atte a proteggere settori dell’industria che non sono ancora competitivi a livello internazionale (ISI 2 ) . Queste strategie si articolano in tre tipi di strumenti: i dazi all’importazione, i prezzi di riferimento obbligatori per l’importazione e i contingentamenti delle licenze, e rimarranno in vigore fino alla metà degli anni ’80. Tuttavia, in questo periodo si dà corso anche a una politica fiscale espansiva, che provoca inflazione e va sostenuta tramite il deficit di bilancio. A questo si aggiunge una Bilancia dei Pagamenti nonostante tutto negativa (anche a causa dei limiti ai movimenti di capitale imposti dal Banco de Mexico) , e le autorità sono costrette a ripetute svalutazioni, che portano il valore del peso contro il dollaro da 4,85 a 12,45 tra il 1945 e il 1954 (Looney, 1978, citato in Székely,1998). Dalla metà degli anni ’50 comunque la crescita si attesta su valori di PNL del 6,5% annuo (Looney, 1978 , citato in Székely,1998) e proprio in questi anni si comincia a puntare non solo sul settore manifatturiero, ma anche su quello agricolo, nel tentativo di passare ad un’agricoltura intensiva e industriale. A questo scopo si introducono innovazioni tecnologiche e concimi chimici e si procede alla ristrutturazione del sistema degli “ejidos 3 ” espropriando ai grandi latifondi le zone meno fertili e irrigate da destinare alla coltivazione comune (tipicamente destinata all’agricoltura di sussistenza delle popolazioni indigene) al fine di ottenere zone utili all’agricoltura intensiva quanto più contigue ed estese possibile. Naturalmente questa soluzione comporta una diminuzione dei redditi agricoli dei piccoli contadini e un peggioramento della situazione delle zone rurali (Rìos, 1998) . La presidenza Echeverria (1970-1976) si concentra sulla spesa pubblica e sull’intervento dello Stato nell’economia (infatti tra il 1970 e il 1976 le imprese statali passano da 86 a 740) , finanziato dal deficit primario e colpevole di un’accelerazione dell’inflazione che porta il paese ad indebitarsi pesantemente con l’estero. La situazione spinge gli investitori a ritirare i propri capitali per paura di una svalutazione e quando la situazione precipita a causa del primo shock petrolifero il Messico cerca di correre ai ripari mediante massicci prestiti ad alto tasso di interesse forniti da istituti di credito privati stranieri. Ad ogni modo, nel 1975 le riserve del Banco de Mexico sono ormai prosciugate e l’istituto, non essendo in grado di garantire il cambio fisso, lascia il peso libero di fluttuare, su consiglio del Fondo Monetario Internazionale. La forte svalutazione non allevia lo stallo della crescita né la spirale inflazionistica tanto che la crescita dei prezzi su base annuale si presenta sempre a due cifre, con punte record del 30% (Kelly, 1999) . L’amministrazione Portillo (1976-1982) punta tutto sull’esportazione delle riserve di petrolio appena scoperte, permettendo un aumento della spesa pubblica che aiuta la crescita (si consideri che tra il 1978 e il 1981 il PIL messicano cresce a un tasso annuo dell’8%) , ma stimola anche la domanda interna e quindi l’inflazione. A queste condizioni le esportazioni diverse dal petrolio sono difficoltose mentre la Bilancia dei Pagamenti si deteriora a causa delle importazioni di beni di consumo. Inoltre, contro ogni previsione, nell’81 il prezzo del petrolio comincia a scendere, mentre il livello del tasso di interesse internazionale inizia ad aumentare. Il risultato è un forte deflusso di capitali e un’inflazione annua che raggiunge la punta del 100% finché nell’agosto del 1982 il Messico sospende il pagamento del debito estero. Con l’avvicendamento alla presidenza e l’arrivo di De la Madrid (1982-1988) e delle politiche di aggiustamento del Fondo Monetario Internazionale la spesa pubblica subisce un drastico ridimensionamento, al punto che la voce di spesa preponderante è il servizio sul debito (Kelly, 1999) , e si tenta la carta della svalutazione allo scopo di ridurre l’inflazione. Effettivamente il 2 Import Substitution Industrialization. 3 Con questo nome si designano le zone destinate alla coltivazione comune istituite dall’art. 27 della Costituzione del 1917 e regolamentate dal codice agrario degli anni ’20 create al fine di garantire i diritti delle popolazioni indigene contadine. Il codice ne vietava l’alienazione e la locazione a persone diverse dalla comunità (o famiglia) incaricata della coltivazione. In caso di morte della persona responsabile dell’ejido l’usufrutto del terreno passava ai suoi eredi o, in mancanza, alla collettività.
Anteprima della tesi: Gli effetti delle politiche di aggiustamento strutturale del Fmi sulla povertà. Il caso del Messico, Pagina 6

Preview dalla tesi:

Gli effetti delle politiche di aggiustamento strutturale del Fmi sulla povertà. Il caso del Messico

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Maria Moretti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia del Commercio Internaz. e dei Mercati Valutari
  Relatore: Elena Podrecca
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 62

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi