Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gestione di un portafoglio complesso di un fondo pensione in tempo continuo. Aspetti teorici e uno schema applicativo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

lavoratori liberi professionisti, sono i sindacati o le associazioni di categoria ad offrire la possibilità di adesione. La gestione dei fondi chiusi è affidata alle associazioni di categoria. Fondi aperti Diverso il caso dei fondi aperti, ai quali possono aderire persone provenienti da settori diversi, senza vincoli legati alla professione, ma che rientrino comunque in determinate categorie: ™ I lavoratori che non sono tenuti ad aderire ad un fondo aziendale o di categoria, come ad esempio i lavori autonomi, i liberi professionisti e coloro che svolgono attività di collaborazione coordinata e continuativa. ™ I lavoratori dipendenti il cui contratto collettivo nazionale permette l’adesione, in forma collettiva, a fondi pensione aperti. ™ I lavoratori che perdono i requisiti per continuare ad essere iscritti ad un fondo chiuso di categoria e non desiderano iscriversi ad un altro fondo chiuso (ad esempio un lavoratore dipendente del settore metalmeccanico, che cambia attività e si mette in proprio). ™ I lavoratori autonomi che decidono di passare dal fondo chiuso di categoria al quale sono iscritti ad un fondo aperto. I fondi aperti possono essere istituiti e gestiti solo da alcune categorie di enti stabilite dalla legge, che possiedano certi requisiti patrimoniali minimi: banche, società di assicurazioni, SIM (società di intermediazione mobiliare), società di gestione di fondi comuni di investimento. Naturalmente i soldi versati dai contribuenti non possono essere investiti dai gestori a proprio piacimento, ma vi sono delle regole ben precise che limitano e indirizzano la tipologia dell’investimento e la sua durata 3 . Al di là dell’ovvio beneficio rappresentato dall’integrazione della propria pensione, l’adesione ai fondi presenta anche una serie di vantaggi fiscali non irrilevanti: infatti, il contributo versato al fondo viene dedotto dal reddito annuale del lavoratore, cioè chi aderisce ad un fondo pensione non paga le tasse sulla quota del proprio reddito che versa nel fondo. 3 Per un esame più approfondito di questo aspetto, si rimanda all’appendice al capitolo primo, paragrafo A.2.

Anteprima della Tesi di Francesco Fattori

Anteprima della tesi: Gestione di un portafoglio complesso di un fondo pensione in tempo continuo. Aspetti teorici e uno schema applicativo, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Francesco Fattori Contatta »

Composta da 117 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4698 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.