Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Regolamentazione finanziaria e vigilanza globale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo I : La necessita� della vigilanza 10 1.2 La ratio della regolamentazione finanziaria Il fondamento teorico dell�intervento pubblico nell�economia si basa tradizionalmente sull�esigenza di rimediare a imperfezioni del mercato e a problemi riguardanti la distribuzione ottimale delle risorse disponibili. La regolamentazione del sistema finanziario � un importante capitolo del pi� ampio tema del controllo pubblico dell�economia. L�accumulazione del capitale e l�allocazione delle risorse finanziarie costituiscono un aspetto essenziale del processo di sviluppo economico di una nazione. Le specificit� dell�intermediazione finanziaria e degli operatori che svolgono questa funzione giustificano l�esistenza di un sistema di controlli pi� ampio di quello che concerne altre forme di attivit� economica. Al di l� delle interpretazioni discrezionali e delle scelte strutturali, e secondo che si prediliga o meno la validit� del principio del cd. libero mercato, si pu� osservare la presenza di articolati sistemi di regolamentazione e di vigilanza. Gli stessi si rivolgono poi, con intensit� e metodi variamente dosati, ai diversi livelli dell�attivit� finanziaria: ai mercati innanzitutto, agli intermediari finanziari per diretta conseguenza e agli operatori non finanziari, qualora si instaurino con gli investitori rapporti che ineriscono le attivit� dei mercati e degli intermediari, sia in senso attivo che in senso passivo (per accesso diretto o indiretto al mercato) 7 . 7 Una pregevole classificazione distingue le seguenti tipologie organizzative: - lo scambio diretto ed autonomo: i datori e i prenditori di risorse finanziarie � gli attori della domanda e dell�offerta � scambiano senza fare ricorso ad alcun intermediario, se non per ragioni meramente tecniche; - lo scambio diretto e assistito: gli attori della domanda e dell�offerta sono controparti dirette, ma non negoziano autonomamente poich� sono in vario modo assistiti da un intermediario senza il cui intervento � non meramente tecnico � l�incontro degli scambisti non avrebbe luogo. In questo caso l�intermediario svolge un ruolo sostanziale di ricerca e di selezione della controparte per uno degli scambisti;

Anteprima della Tesi di Matteo Massimiliano Gianasso

Anteprima della tesi: Regolamentazione finanziaria e vigilanza globale, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Matteo Massimiliano Gianasso Contatta »

Composta da 278 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3237 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.