Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La gestione dei talenti: approcci aziendali e prospettive individuali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Primo Capitolo: Spazio al Talento 8 1.2 IL CAPITALE INTELLETTUALE COME VANTAGGIO COMPETITIVO Come dichiarato nel paragrafo precedente, la ragione più influente sul processo di trasformazione della Gestione Risorse Umane è rappresentata dalla consapevolezza che il potenziale delle persone è esso stesso fonte di vantaggio competitivo. Le risorse umane diventano un elemento strategico per il successo: l’importanza delle persone come asset intangibile all'interno delle imprese si è andata sempre più consolidando. Già all'inizio degli anni Ottanta, la maggior parte delle cosiddette "hard industries" erano considerate una reliquia del passato. Nuove scoperte tecnologiche e una crescente efficienza dei processi ha trasformato i settori da labour a capital intensive, fino a giungere all'era dell'informazione, dove la nascita e la morte delle aziende avviene in funzione del livello di conoscenza posseduto. Il loro successo è determinato dalla capacità di sfruttare le potenzialità degli asset intangibili nel modo migliore e più veloce. Con la diffusione delle tecnologie informatiche e il conseguente accentuarsi della densità relazionale relativa ad individui ed organizzazioni, la conoscenza è divenuta una variabile chiave della competizione [Lipparini, 2002]. Peter Drucker (1993) coglie questa criticità e afferma che la risorsa economica fondamentale è rappresentata dalla conoscenza e dai soggetti che la generano. L'enfasi sulla conoscenza non è in realtà un fatto nuovo: moltissimi autori ne hanno sottolineato l'importanza strategica, da Marshall (1920) e Schumpeter (1942), fino a Polany (1966) e Nonaka (1994). L'informazione e la conoscenza sono dunque oggigiorno la linfa che mantiene floride le aziende, molto più del capitale o del lavoro in sè. La maggior importanza che queste variabili sono andate assumendo non comporta semplicemente la considerazione di nuovi parametri nel processo di produzione dei beni: cambia radicalmente le regole del gioco. La capacità di gestire il capitale intellettuale è, nell'era in cui viviamo, la chiave del successo [Quinn, 1992]. La

Anteprima della Tesi di Manuela Rognoni

Anteprima della tesi: La gestione dei talenti: approcci aziendali e prospettive individuali, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Manuela Rognoni Contatta »

Composta da 395 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11974 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 82 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.