Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il marketing del largo consumo: la multinazionale Coca Cola

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Il merchandising del produttore, un nuovo approccio analitico 6 Nell’industria il packaging si è evoluto come tramite informativo-promozionale, nella distribuzione sono aumentate le dimensioni, le quote di mercato dei punti vendita ed il costo della superficie espositiva, mentre si è inasprita la concorrenza orizzontale. Tutti questi fenomeni hanno determinato l’imporsi del merchandising. Sia i produttori che i distributori sono interessati a motivare il processo di acquisto: i primi vogliono aumentare le vendite delle proprie marche a scapito della concorrenza, i secondi sono più interessati ad aumentare il traffico nel punto vendita, il fatturato per metro quadro di superficie di vendita, ed il valore del venduto per cliente. Abbiamo quindi due attori, con obiettivi differenti, che operano nello stesso campo utilizzando le stesse tecniche, ma in maniera differente. Nel caso del trade, il merchandising viene indicato come “marketing del e nel punto di vendita” (Sabbadin 1991) o più figuratamente come il “packaging” del prodotto del distributore, ovvero il servizio (Pellegrini 1993). Definizione a riguardo è: “il merchandising costituisce un insieme di tecniche aventi come scopo la regolazione del comportamento d’acquisto del consumatore all’interno del punto vendita, al fine di ottimizzare la redditività della superficie espositiva, coerentemente con il posizionamento scelto dall’insegna ”. Si tratta infatti dell’insieme di attività che contribuiscono a definire le caratteristiche fisiche del punto di vendita e di quelle azioni finalizzate ad utilizzare al meglio la capacità produttiva del medesimo. Le quattro attività principali che lo costituiscono sono: - Layout delle attrezzature (mappatura del punto vendita e definizione del percorso compiuto dal consumatore al suo interno) - Layout merceologico (logica di efficace ed efficiente raggruppamento delle referenze in base al comportamento d’acquisto).

Anteprima della Tesi di Igor Mauro Bagnobianchi

Anteprima della tesi: Il marketing del largo consumo: la multinazionale Coca Cola, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Igor Mauro Bagnobianchi Contatta »

Composta da 184 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12181 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.