Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il marketing del largo consumo: la multinazionale Coca Cola

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Il merchandising del produttore, un nuovo approccio analitico 10 combinazione efficace di margini e rotazioni dei prodotti, essere ben organizzato dato lo spazio minimo che ad ogni articolo deve essere assegnato. I caratteri che lo definiscono sono: ampiezza, larghezza, profondità. L’ampiezza determinata dal numero di reparti o famiglie, ovvero dalle funzioni principali cui i prodotti assolvono. La larghezza rappresenta il numero di modelli per famiglia, ovvero i diversi bisogni che l’assortimento soddisfa. La profondità determinata dal numero di referenze per modello e il numero di articoli per referenze. Alla classificazione seguono le previsioni di vendita (come ad esempio uniforme produttività per mq.), poi la suddivisione dello spazio, e l’inizio delle attività di merchandising. Le attività principali cui si può ricondurre il merchandising della distribuzione sono: • Layout delle attrezzature (definizione del percorso compiuto dal consumatore nel punto vendita e conseguente disposizione delle attrezzature) • Layout merceologico (logica di raggruppamento delle categorie e assegnazione della superficie espositiva alle famiglie e alle linee) • Display (sistemazione delle referenze sugli scaffali e spazio relativo assegnato) • Allocazione dello spazio alle referenze Iniziamo col definire il termine layout: indica la suddivisione della superficie del punto vendita nelle sue diverse funzioni, ovvero l’insieme di quelle soluzioni tecniche attuate per un uso funzionale ed efficiente dello spazio disponibile. Vi rientrano la definizione della superficie espositiva, l’allocazione dello spazio di vendita ai reparti, la dislocazione dei differenti reparti, la disposizione delle attrezzature e delle vie di accesso e di uscita. Gli obiettivi che l’attività di layout si prefigge sono: - orientamento del flusso dei clienti - facilitare la lettura dell’assortimento

Anteprima della Tesi di Igor Mauro Bagnobianchi

Anteprima della tesi: Il marketing del largo consumo: la multinazionale Coca Cola, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Igor Mauro Bagnobianchi Contatta »

Composta da 184 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12203 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.