Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un'altra politica? La politica al femminile

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

quindi non è possibile stabilire la posizione della famiglia a partire solo dal capofamiglia maschio. In questo senso mentre alcuni studiosi (Barbagli, 1988) tendono a prendere in considerazione le posizioni professionali occupate rispettivamente dal marito e dalla moglie, senza privilegiarne una in particolare, altri invece definiscono la posizione della famiglia a partire dalla componente dominante, senza comunque privilegiare a priori la componente maschile (Schizzerotto,1994). Con questo breve elenco non si sono voluti esaurire gli ambiti di studio in cui il concetto di genere è stato ed è tuttora utilizzato, ma solo presentare alcune delle ormai numerose ricerche sociologiche che, appropriandosi di questa categoria di analisi, hanno approfondito e arricchito il loro campo di ricerca con una nuova e diversa prospettiva, giungendo a considerazioni e a generalizzazioni precedentemente solo intuibili. 1.1.2 Identità di genere All’interno del dibattito femminista e anche in ambito accademico- scientifico si sono sviluppate diverse teorie il cui obiettivo è stato quello di analizzare e comprendere il modo in cui le donne e gli uomini, riflettendo sul loro corpo sessuato e percependo la propria diversità sessuale, sviluppano la loro identità di genere, in quanto soggetto donna e soggetto uomo. La prima teoria sullo sviluppo dell’identità di genere da prendere in considerazione è quella proposta da Freud nell’opera "Psicopatologia della vita quotidiana" del 1901. L’apprendimento delle differenze fra i generi da parte dei bambini dipende fondamentalmente dalla presenza o dall’assenza del pene. Al di là di questa semplice differenza anatomica l’esistenza o meno di tale organo rappresenta simbolicamente la mascolinità o la femminilità.

Anteprima della Tesi di Claudia Merighi

Anteprima della tesi: Un'altra politica? La politica al femminile, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Claudia Merighi Contatta »

Composta da 199 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5543 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.