Skip to content

Ponteach Or The Savages of America

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
12 Richardson 11 per il suo Wacousta del 1832. Attraverso Richardson riusciamo a reperire chi come Rogers dovette assistere direttamente agli eventi descritti nel Ponteach, come Alexander Henry �il vecchio� che scrisse Travels and Adventures in Canada and the Indian territories Between the Years 1760 and 1766. Nonostante i buoni propositi Rogers, utilizzando un blank verse shakesperiano, in un dettato letterario ricolmo di termini entrati nell�uso parlato prima del dodicesimo secolo dopo Cristo, affida il ruolo di villain a Philip, il figlio di Ponteach filofrancese. Le figure dei cacciatori inglesi sono negative ma anche umane, come abbiamo visto nel caso di Honnyman cha ha un pentimento tardivo, ma accolto. L�elemento francese � effetto della necessit� di avere un mito di fondazione comune agli anglosassoni d�America. Anche Richardson, ritrarr� un Nordamerica unito sotto un unico sovrano dove il villain non era lo yankee con cui si stava combattendo l�ultima delle guerre che avrebbe coinvolto una contro l�altra Stati Uniti e Canada. Il villain era soltanto il nemico francese. Anche in Rogers il sentimento antifrancese affiora, ed � visibile nel ritratto accennato del Priest 12 dedito a concupire le donne altrui piuttosto che a guadagnar anime alla sua religione. L�accostamento ironico a Padre Laforgue a cui � generalmente mossa l�accusa di avere 11 Carl F. Klinck, �introduction�, in Wacousta or The Prophecy, Mcclelland and Stewart ed.1967, pp.vi- vii.{John Richardson, second child and eldest son of Assistant Surgeon Robert Richardson and his wife, Madeleine, was born on the 4th of October, 1796, at Queenston on the Niagara frontier. His mother was a daughter of John Askin, a merchant of Detroit, who had brought supplies to that fort while the uprising led by the historical Pontiac, Chief of the Ottawas, was still in progress. In the “Introduction” to Wacousta, this grandfather is called “Mr.Erskine,” and it is reported that he moved across the river to the Canadian side in 1802, to live at a home he named Strabane. His wife, an old lady when John Richardson was a small boy, was “the daughter of one of the earliest settlers from France, and of a family well known in history, a lady who had been in Detroit during the siege of the British garrison by Pontiac.”Young John heard the old stories told many times at his grandmother’s home, where he lived while his father, a surgeon with the Queen’s Rangers, was serving at Fort St.Joseph, near Michilimackinac} 12 Non possiamo dimenticare che tra le fonti sicure per il Ponteach vanno annoverate la grande passione per la caccia nei boschi, dove in et� giovanile si aggirava mischiandosi con gli indiani e talvolta dei francesi. Da qusti rapporti ottenne una conoscenza sufficiente delle differenti lingue, ma traendo insegnamento sopratutto dagli usi e costumi indiani. Cos� il giovane Rogrs impar� a seguire le tracce e unendo le nuove conoscenze alla sua passione topografica, cominci� a tracciare mappe delle piste che portavano ai vari pozzi naturali per l�approvvigionamento idrico. Trascrisse anche le varie piste e i sentieri indiani.
Anteprima della tesi: Ponteach Or The Savages of America, Pagina 9

Preview dalla tesi:

Ponteach Or The Savages of America

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Ionta
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Traduzione letteraria e traduzione tecnico-scientifica
  Relatore: Alessandro Gebbia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 139

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi