Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un modello di simulazione d'impresa con Matlab, Simulink e Stateflow

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 CAPITOLO 1. SUL CONCETTO DI COMPLESSITA` Avremo cos`ı bisogno di nuovi strumenti, e nuove prospettive, da cui guardare al problema economico. 1.1 Meccanicismo, finalismo, olismo I filosofi dell’antica Grecia furono i primi, per quanto ne sappiamo, a tentare di dare una spiegazione riguardo al modo in cui la realta` e` strutturata, ed e` a questi che il pensiero filosofico e scientifico sviluppatosi nel corso dei secoli deve le due maggiori raffigurazioni mentali della realta` naturale: tali raffigurazioni si basano una sui concetti di elemento e struttura, l’altra su quello di processo. 1.1.1 L’antichita` L’atomismo di Democrito, risalente al V secolo a.C., e` il primo dei gran- di sistemi della storia, e sorge dalla necessita` di risolvere le difficolta` poste da pensatori quali Anassogora e Zenone riguardo al concetto di infinita di- visibilita` delle grandezze geometriche. Secondo il paradosso del molteplice, l’infinita divisibilita` di un segmento dimostrerebbe che il segmento stesso e` costituito da un’infinita` di punti: ammettendo che ciascuno dei punti abbia una grandezza diversa da zero, si dovrebbe giungere alla conclusione che la loro somma, ovverossia il segmento, sia infinitamente grande. D’altronde se si considera che i singoli punti abbiano grandezza nulla, ne consegue che anche la loro somma e` nulla, e pertanto il segmento scompare1. Democrito dirime la questione compiendo una distinzione fra il suddivi- dere matematico, che a suo dire non trova corrispondenza nella realta` ed e` proseguibile all’infinito, ed il suddividere fisico, che e` invece condizionato dalla natura dell’oggetto della divisione e non puo` pertanto superare un certo limite. La suddivisione fisica puo` infatti avvenire fintanto che ha per oggetto corpi composti, ma non puo` avvenire sugli esseri semplici: questi sono gli atomi, eterni, intrasformabili, indivisibili e impenetrabili. Dividere un corpo significa separare gli atomi che lo compongono; in nessun caso puo` significare dividere i singoli atomi. Il concetto di atomo e` un concetto fisico, cos`ı come e` fisico lo spazio in cui sono immersi: un vuoto concepito come mancanza di materia, al cui interno gli atomi si muovono ed entrano in contatto; uno spazio che separa sempre due atomi distinti, seppur di poco, anche qualora questi appaiano legati in un unico corpo indivisibile. 1Saranno Leibniz e l’avvento del calcolo infinitesimale, ormai nel Seicento, a dirimere la questione: l’idea sara` quella di poter ottenere un risultato finito sommando infiniti termini di grandezze infinitesime

Anteprima della Tesi di Alessandro Raimondi

Anteprima della tesi: Un modello di simulazione d'impresa con Matlab, Simulink e Stateflow, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Raimondi Contatta »

Composta da 167 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5966 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.