Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un modello di simulazione d'impresa con Matlab, Simulink e Stateflow

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1.1. MECCANICISMO, FINALISMO, OLISMO 13 campi di ricerca caratterizzati dalla prevalenza di elementi mistici e fideistici, quali quelli della magia e dell’alchimia, fino a giungere alla scomparsa del- l’atteggiamento razionale verso la realta` naturale ed umana: si entra cos`ı nel cupo periodo del Medioevo. 1.1.2 La critica del finalismo e il nuovo meccanicismo Si dovra` attendere il ’3oo e Guglielmo Ockham per vedere una prima critica del principio finalistico, ma saranno la rivoluzione scientifica e il meccani- cismo moderno di Galileo, Bacon e Descartes a ridestare una corrente di pensiero tesa a scardinare sistematicamente il fondamento teleologico della concezione della realta` che aveva imperato per quasi mille anni. La disciplina scientifica che ha i maggiori sviluppi fin dalla nascita del mondo moderno e` senza ombra di dubbio la meccanica, poiche´ trattando dei corpi in generale, del loro movimento o del loro equilibrio, permette di astrarre da ogni altra considerazione e di ricondurre l’analisi a condizioni piu` semplici (come peraltro ancora oggi si fa in piu` campi di ricerca, compreso quello economico). Tramite una prospettiva del genere diviene possibile sta- bilire in maniera inequivocabile i principi e alcune relazioni fondamentali che governano la meccanica: il passo successivo e` quello della generalizzazione, che da` una portata universale a tali principi dando luogo al meccanicismo. La realta` naturale viene cos`ı ridotta ad una struttura di corpi in movimento, analizzabile in tutte le sue parti semplicemente mediante le precise regole dei movimenti fra queste. Una delle scoperte che piu` contribuiscono a muovere il pensiero verso questa direzione e` quella del principio d’inerzia: elaborato in principio da Galileo, trova una definizione rigorosa solo con Newton. Ma e` Descartes il primo ad adottarlo in maniera sistematica, tanto da farne il punto di riferi- mento di una dottrina che e` la piu` ampia, definita e organica formulazione del meccanicismo. ‘Ciascuna cosa, in quanto e` semplice rimane per quanto e` in se´, sempre nel medesimo stato, e non e` mai mutata se non da cause esterne’: tale enunciazione del principio permette di valutare ogni fenomeno, singolarmente o in relazione con altri, sulla base della sola nozione di cau- sa esterna. Ogni fenomeno viene cos`ı a risolversi in una serie di operazioni, magari complicate, ma comprensibili e definibili in maniera univoca: nel con- tempo i corpi perdono qualsivoglia specificita`. Subentra cos`ı una concezione dinamica della realta` alla tradizionale concezione statica dei fenomeni, che li vedeva correlati e strutturati unicamente in vista dei fini generali della natura. La macchina diviene modello teorico di indagine, un modello ope- rativo che da` concretezza ad una astratta struttura della realta` che si fonda

Anteprima della Tesi di Alessandro Raimondi

Anteprima della tesi: Un modello di simulazione d'impresa con Matlab, Simulink e Stateflow, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Raimondi Contatta »

Composta da 167 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5965 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.