Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un modello di simulazione d'impresa con Matlab, Simulink e Stateflow

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 CAPITOLO 1. SUL CONCETTO DI COMPLESSITA` sui principi meccanici: la ricerca scientifica e` sinonimo di ricerca del modello meccanico che sostituisce il fenomeno reale che si vuole analizzare. Nei secoli successivi le idee meccanicistiche saranno riprese dal materia- lismo (ad eccezione di quello dialettico, che vi si opporra`) che le estendera` a tutta la realta`, comprendendo anche la psiche umana. Ma il meccanici- smo diverra` soprattutto sinonimo di determinismo, ovvero della concezione di una realta` pervasa da una rigorosa causalita` necessaria che invade tutti i fenomeni della natura. In particolare sara` il francese Pierre-Simon Laplace (1749-1827), ormai nell’Ottocento, a tracciare in linea di principio il piano generale e rigoroso di una spiegazione meccanicistica dell’intero universo, ba- sandosi sulla presunta illimitata applicabilita` delle leggi della dinamica e sulla ipotetica integrabilita` di tutte le equazioni differenziali volte a descrivere i singoli fenomeni verso cui tali leggi conducono. Le linee generali del mecca- nicismo scientifico saranno tracciate da Laplace in maniera cos`ı perfetta, da arrivare a costituire l’ideale della ricerca scientifica ottocentesca, e il punto di riferimento storico per chiunque voglia discutere di meccanicismo universale e di determinismo. E’ infatti celebre il passo, in cui egli offre la propria lucida e rigorosa visione di universo deterministico, e che permette di qualificarlo a pieno titolo come padre di tutti i riduzionisti (Geymonat, 1970): Dobbiamo dunque considerare lo stato presente dell’universo come l’effetto del suo stato anteriore e come la causa del suo stato futuro. Un’Intelligenza che, per un dato istante, conoscesse tutte le forze da cui e` animata la natura e la collocazione rispettiva degli esseri che la compongono, se per di piu` fosse abbastanza profonda da sottomettere questi dati all’analisi, abbraccerebbe nella stessa formula i movimenti dei piu` grandi corpi del’universo e dell’atomo piu` leggero: nulla sareb- be incerto per essa e l’avvenire, come il passato, sarebbe presente ai suoi occhi. 1.1.3 Il vitalismo A contrapporsi nuovamente alla concezione meccanicistica della realta` sara` nell’ottocento una nuova corrente, quella vitalista, che considera i fenome- ni vitali come irriducibili ai fenomeni fisico-chimici. Tale irriducibilita` si manifesta in diversi aspetti: anzitutto i fenomeni vitali non possono essere interamente spiegati con cause meccaniche, bens`ı si fondano su di una for- za vitale indipendente dai meccanismi fisico-chimici. In particolar modo, il neo-vitalismo ottocentesco dopo aver necessariamente preso atto della possi- bilita` di produrre nei laboratori sostanza organiche, riconosce l’utilita` dell’a- nalisi fisico chimica dei fenomeni vitali, ma continua a sostenere la presenza fondativa di un elemento sconosciuto e inaccessibile, variamente denominato.

Anteprima della Tesi di Alessandro Raimondi

Anteprima della tesi: Un modello di simulazione d'impresa con Matlab, Simulink e Stateflow, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Raimondi Contatta »

Composta da 167 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5965 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.