Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un modello di simulazione d'impresa con Matlab, Simulink e Stateflow

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1.1. MECCANICISMO, FINALISMO, OLISMO 15 Una voce autorevole di profonda polemica contro il determinismo e il meccanicismo in genere, e` quella del filosofo francese Henri Bergson (1859- 1941): il suo pensiero e` caratterizzato da un bipolarismo dell’essere in cui egli esalta la coscienza interiore, capace di rivelarci un reale originario che invece l’esperienza ordinaria e in particolare quella scientifica non arriverebbero a conoscere. E’ in particolare sul problema del tempo che Bergson si concentra, e sulla sua relazione con il nostro essere: egli sottolinea come per la meccanica il tempo sia semplicemente una serie di istanti che si susseguono in un ben determinato ordine rettilineo, ovvero passato, presente e futuro. Per la realta` della coscienza invece, il tempo e` qualcosa di non riducibile all’istante, e` un flusso continuo in cui i momenti si compenetrano vicendevolmente senza poter essere separati, il tempo e` durata. La concezione meccanicistica del tempo ha certamente un grado di verita`, e la sua esteriorizzazione consente una buona analisi dei fenomeni che riguardano il mondo inorganico. Tale concezione pero` confonde il tempo con lo spazio, considerando gli istanti come qualcosa di statico invece di comprendere che ognuno di essi porta al di la` di se stesso: di qui la perdita della percezione dei principi su cui si fonda il concetto di durata, e conseguentemente, l’inadeguatezza a spiegare i fenomeni del mondo organico e il profondo divenire della vita. Il filosofo francese sottolinea come tale divenire si sottragga a ogni forma di trattazione matematica e alla causalita`: in particolare con riferimento a quest’ultima, parla di libero arbitrio, e considera come l’anima sia libera, essendo immersa nel perenne fluire della durata, e come i suoi atti siano sempre la creazione di qualcosa di nuovo e irriducibile agli stati antecedenti; ne´ l’anima e` la causa di essi, dal momento che non e` una sostanza separata bens`ı in essi vive e si costituisce. Bergson critica inoltre l’evoluzionismo, accusandolo di essere meccanici- stico e quindi incapace di spiegare il vero senso dell’evoluzione: l’universo in verita` si evolve in quanto il suo esistere e` un progredire nella durata, e nella durata si esprime lo slancio vitale, ovvero una forza che agisce all’infuori di ogni schema deterministico. L’opposizione non e` solo nei confronti del mec- canicismo, in cui tutto e` determinato da una causa passata, ma anche del finalismo, che altro non sarebbe se non un meccanicismo rovesciato, in cui tutto risulta determinato dal fine futuro: in entrambi i casi la determinazione della realta` giunge da qualcosa che esiste al di fuori del tempo. Lo slancio vitale e` invece una spontaneita` che non puo` essere ridotta a schema alcuno, e che percio` crea perennemente: Il cammino da percorrere si crea mano a mano che l’atto lo percorre. Se e` sicuramente importante una prospettiva di questo genere, resta pero` il fatto che una causa che sfugge all’osservazione in verita` non spiega nulla.

Anteprima della Tesi di Alessandro Raimondi

Anteprima della tesi: Un modello di simulazione d'impresa con Matlab, Simulink e Stateflow, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Raimondi Contatta »

Composta da 167 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5966 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.