Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La pittura di Kandinsky e la musica di Schoenberg: due arti a confronto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

E’ proprio questa sfida a costituire il senso di tutta una vita spesa per l’arte e per la sua necessaria e storicistica evoluzione, una sfida vissuta soprattutto nei confronti del pubblico e dei critici, continuamente scettici ed insensibili all’espressione immediata, privata della sua oggettualità nei quadri di Kandinsky e della ‘sacra tonalità’ nei capolavori musicali di Schönberg, quindi privata degli elementi esterni alla libera volontà della psiche; una ‘pura’ espressione perciò destinata ad essere esclusa dall’immediata comprensibilità. Così nell’Introduzione allo Spirituale nell’arte Kandinsky scrive: «l’armonia d’insieme è la strada che conduce all’opera d’arte. Eppure quest’opera viene osservata con sguardi freddi e indifferenti. I conoscitori ammirano la fattura (come si ammira un acrobata) e gustano la pittura (come si gusterebbe una focaccia)» 6 ; nelle Lettere di Monaco Kandinsky sottolinea come durante una mostra della Nuova Associazione Artistica Monacense del 1910 «il pubblico si lascia andare a manifestazioni d’astio, di beffa e di offesa» 7 ; e ancora nel Cavaliere Azzurro commenta sprezzantemente il lavoro del critico nel saggio Il problema delle forme: «non si deve mai credere a un teorico (storico dell’arte, critico e così via) quando afferma di aver scoperto nell’opera questo o quell’errore oggettivo. Ancora: l’unica cosa che il teorico può legittimamente affermare è di non avere ancora conosciuto questa o quella applicazione del mezzo. E ancora: i teorici che lodano o denigrano un’opera partendo dall’analisi di forme già esistite, sono gli ingannatori più pericolosi, perché erigono un muro tra l’opera e l’ingenuo osservatore» 8 , ma, con l’ottimismo che lo caratterizza, più avanti annuncia: «io sono certo che verrà un tempo in cui la critica ritroverà il proprio impegno non nella ricerca del negativo, nella denuncia degli errori, ma nella ricerca e nella mediazione del positivo, 6 W. KANDINSKY, Über das Geistige in der Kunst, Milano, 1989, p.19. 7 W. KANDINSKY, Wassily Kandinsky Tutti gli scritti, a cura di P. SERS, Milano, 1989, p.21. 8 W. KANDINSKY, F. MARC, Der Blaue Reiter, Milano, 1988, p.142.

Anteprima della Tesi di Simone Mercuri

Anteprima della tesi: La pittura di Kandinsky e la musica di Schoenberg: due arti a confronto, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Conservazione dei Beni Culturali

Autore: Simone Mercuri Contatta »

Composta da 180 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 39410 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.