Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La pittura di Kandinsky e la musica di Schoenberg: due arti a confronto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

tematico, eccessivo manierismo, che un esperto dovrebbe sondare nell’opera che intende valutare 17 . Quindi, in sintonia con il Kandinsky del 1938, esprime tutto il valore dell’«istinto» 18 come base per «un buon giudizio» 19 , anche se «sarebbe pericoloso ammettere che chiunque sia appassionato di musica e sensibile al suo fascino abbia solo perciò il diritto e la capacità di giudicarne il valore 20 . […] Ciò è probabilmente assai simile all’idea di Schopenhauer quando domandava che la valutazione delle opere d’arte si basasse solo sull’autorità. Purtroppo egli non dice a chi spetti questa autorità, né come si possa acquistarla, né se resterà incontestabile, né cosa accadrebbe se chi ne è investito commettesse degli errori» 21 . Ma l’articolo forse più feroce in questo senso è senz’altro A proposito di critica musicale dove Schönberg, ripercorrendo la storia della critica, sottolinea quante barriere si erigessero ogni volta contro le espressioni di novità, così che la critica d’arte di Vienna era divenuta sempre più sterile e scontata 22 , quindi scrive: «per poter percepire un’impressione artistica bisogna che la propria fantasia collabori creativamente. […] Per trasformare un’impressione artistica in un giudizio artistico, bisogna essere abituati a interpretare le proprie sensazioni inconsce, bisogna conoscere le proprie inclinazioni e il modo di reagire alle impressioni esterne 23 . Per dare un giudizio di valore, bisogna poi essere in grado di paragonare fra loro le impressioni suscitate dall’opera d’arte, bisogna trovare, in base alla propria natura […] o almeno in base alla propria cultura […] un punto di vista da cui avvicinarsi all’essenza dell’opera. Bisogna avere una sensibilità per il passato e presentimenti per il futuro; e infine si può 17 Cfr. A. SCHÖNBERG, op. cit. pp.186-188. 18 A. SCHÖNBERG, op. cit. p.189. 19 Ibidem. 20 A. SCHÖNBERG, op. cit. p.190. 21 A. SCHÖNBERG, op. cit. p.191. 22 Cfr. A. SCHÖNBERG, Analisi e pratica musicale: scritti 1909-1950,Torino, 1974, pp.6-9. 23 A. SCHÖNBERG, op. cit. p.9.

Anteprima della Tesi di Simone Mercuri

Anteprima della tesi: La pittura di Kandinsky e la musica di Schoenberg: due arti a confronto, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Conservazione dei Beni Culturali

Autore: Simone Mercuri Contatta »

Composta da 180 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 39408 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.