Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Contagio e interdipendenza nei mercati finanziari: aspetti metodologici ed evidenza empirica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 11 1.2 Test basati sulla probabilità condizionata Un altro modo per testare l’esistenza di contagio si basa sullo studio della correlazione condizionale piuttosto che della correlazione grezza. La metodologia più comunemente usata esamina se la probabilità di una crisi è più elevata in un paese, condizionatamente all’informazione della presenza di una crisi in un altro paese o gruppo di paesi (“ground-zero”). Un possibile vantaggio di questo approccio è che, come per i test basati sui coefficienti di correlazione, consente facilmente di verificare statisticamente l’esistenza di contagio. Inoltre, questi test possono anche cercare di investigare i canali attraverso cui il contagio avviene, distinguendo, ad esempio, tra gli altri, tra legami commerciali e legami finanziari. Tra i primi lavori che usano questa metodologia, Eichengreen, Rose e Wyplosz (1997), usando un modello PROBIT e dati panel trimestrali che si riferiscono a venti paesi industrializzati dal 1959 al 1993, mostrano come la probabilità di una crisi valutaria in un paese aumenti quando avviene un attacco speculativo in un altro paese e che è più probabile che il contagio si diffonda attraverso i canali commerciali piuttosto che attraverso legami macroeconomici. Glick e Rose (1998) applicano un approccio simile a centosessantuno paesi per cinque differenti crisi valutarie (dalla caduta del sistema di Bretton Woods nella primavera 1971, attraverso il collasso dello Smithsonian Agreement nel 1973, la crisi dello SME nel 1992-93, il Tequila Effect nel 1994, fino all’Asian Flu del 1997-98): essi trovano che i legami commerciali sono importanti nello spiegare la propagazione di una crisi e ritengono che il contagio tenda a essere regionale piuttosto che globale, dato che il commercio è, di per sé, più inter-regionale che non intra-regionale. Kaminsky e Reinhart (1998) giungono a simili conclusioni: soprattutto a livello regionale, la probabilità di una crisi in un paese aumenta nettamente quando un gruppo di “core countries” è già stato

Anteprima della Tesi di Marco Negri

Anteprima della tesi: Contagio e interdipendenza nei mercati finanziari: aspetti metodologici ed evidenza empirica, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco Negri Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1448 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.