Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La traduzione del testo filmico: ''Die bleierne Zeit'' e la sua versione italiana a confronto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 quindi del suo autore, all’interno della cultura d’arrivo (nei termini di successo o insuccesso di un’opera) ma anche, in un certo senso, di determinare il discorso stesso dell’opera (consentendo o meno di interpretare correttamente l’originale). “Translation, then, is one of the many forms in which works of literature [ma non solo le opere letterarie vengono ‘riscritte’] are rewritten, one of many ‘rewritings’. In our day and age, these ‘rewritings’ are at least as influential in ensuring the survival of a work of literature as the originals, the ‘writings’ themselves. […] this state of affairs invests a non-negligible power in the rewriters: translators, critics, historians, professors, journalists. They can make or break a writer, and they can […] make and breake him or her on their own terms.” 16 Di queste riscrizioni “the ‘rewriting’ of film” è ritenuta “the most powerful medium today.” 17 Certo, il supposto tacito accordo stipulato fra il traduttore e il destinatario della traduzione dovrebbe impedire spregiudicate manomissioni dell’originale, ma, come consiglia la saggezza popolare…non fidarsi è meglio, anche perché un appello alla moralità nel contesto di una logica di mercato – quale è quella su cui si basa l’industria culturale – è quantomeno naïf. La conclusione che se ne deve trarre è che il potere dei ‘riscrittori’, tra cui sono da annoverare in primo luogo i traduttori, “should […] be analysed, as well as the various ways in which they tend to exercise it. […] understanding the constraints upon a translator and recognizing the measures that the translator can take in order to escape those constraints is an important step towards establishing that trust. We may not like what we see, but at least we shall not be kept in the dark.” 18 16 A. Lefevere, S. Bassnett, “Introduction: Proust’s Grandmother and the Thousand and One Nights: The ‘Cultural Turn’ in Translation Studies”, Translation, History and Culture. S. Bassnett, A. Lefevere, eds.. London: Pinter, 1990, p. 10. (Trad.: La traduzione, quindi, è una delle molte forme in cui le opere letterarie sono riscritte, una di molte ‘riscritture’. Ai giorni nostri queste ‘riscritture’ sono almeno tanto influenti nell’assicurare la sopravvivenza di un’opera letteraria quanto gli originali, le ‘scritture’ stesse. […] questo stato di cose investe di un potere non trascurabile i riscrittori: traduttori, critici, storici, professori, giornalisti. Essi possono creare o distruggere uno scrittore, e possono [...] crearlo o distruggerlo alle proprie condizioni.) 17 ibidem. (Trad.: la ‘riscrittura’ dei film [è] oggi il mezzo più potente.) 18 op. cit. p. 10, 13. (Trad.: dovrebbe [...] venire analizzato, così come i vari modi in cui tendono ad esercitarlo. […] comprendere le costrizioni cui un traduttore è soggetto e riconoscere i provvedimenti che il traduttore può prendere per sfuggire a quelle costrizioni è un passo importante verso l’instaurazione di quella fiducia. Può non piacerci quello che vediamo, ma almeno non dobbiamo essere tenuti all’oscuro.)

Anteprima della Tesi di Isabella Amico Di meane

Anteprima della tesi: La traduzione del testo filmico: ''Die bleierne Zeit'' e la sua versione italiana a confronto, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Isabella Amico Di meane Contatta »

Composta da 191 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6678 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.