Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il commercio equo e solidale: il caso delle banane - Aspetti normativi, organizzativi e di mercato

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

attraverso marchi che ne identifichino e garantiscano la qualit creando cos le basi per il loro valore e per una migliore retribuzione degli agenti lungo tutta la filiera. Approfittando di queste nicchie Ł possibile sfuggire ai meccanismi della concorrenza. Tali valori sociali sono di varia specie, e toccano tutta la sfera dei problemi legati ai processi di produzione e di commercializzazione dei prodotti alimentari, di tipo ambientale, etico, sociale: la difesa dellambiente, il rispetto per la persona e per le societ insistenti sui luoghi di produzione, il rispetto della vita e la difesa della naturalit dei prodotti sono ormai accezioni che occupano i primi posti tra le propriet attribuite ai prodotti alimentari dalle campagne pubblicitarie e dal marketing, dimostrando che lattenzione del consumatore si sta spostando dagli aspetti intrinseci dei prodotti (che devono essere rispettati comunque, pena il non acquisto) verso quelle caratteristiche estrinseche che i prodotti dovrebbero possedere. Il commercio equo solidale Ł un esempio di come sia possibile utilizzare tali opportunit, per dare alla produzione in piccola scala, ed alle cooperative di produttori svantaggiati, la possibilit di ottenere una posizione piø favorevole sui mercati, dominati da gigantesche imprese agroalimentari. Tale commercio di prodotti equo-solidali Ł unico ed interessante, pur manifestandosi con una grande molteplicit di azioni: esso, infatti, opera anche attraverso i circuiti della Grande Distribuzione Organizzata, evitando di essere confinato ai bordi del campo di gioco, cosa che accade tipicamente ai circuiti alternativi. Il commercio equo solidale Ł basato sulla convergenza degli interessi, a volte molto differenti, degli attori della filiera e, in fin dei conti, sulle convinzioni dei consumatori. Esso simpernia

Anteprima della Tesi di Guido Cladini

Anteprima della tesi: Il commercio equo e solidale: il caso delle banane - Aspetti normativi, organizzativi e di mercato, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Agraria

Autore: Guido Cladini Contatta »

Composta da 137 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8846 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.