Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il commercio equo e solidale: il caso delle banane - Aspetti normativi, organizzativi e di mercato

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

tradendo le sue origini, crea in realt dipendenza: lauto- responsabilizzazione e lauto-sviluppo aiutano le popolazioni di quei paesi a liberarsi dal complesso sistema internazionale daiuti allo sviluppo instauratosi negli anni. In questo lavoro useremo il termine Sud del Mondo per identificare tutti quei Paesi, (normalmente) appartenenti ai cosiddetti Terzo o Quarto Mondo, produttori dei beni commercializzati attraverso i canali del commercio equo, prodotti che una volta venivano definiti coloniali, quali il caffŁ o il cacao, sia che essi si trovino a sud o a nord dellequatore; alla stessa maniera identificheremo con Nord del Mondo i paesi del Primo e Secondo Mondo, normalmente destinatari e consumatori di tali prodotti, anche se localizzati a sud dellequatore (come ad es. lAustralia). 1.2 Definizione ed obiettivi del Commercio Equo e Solidale Durante i quaranta anni passati dalla prima esperienza, il commercio equo solidale si Ł allontanato dalle sue radici fino a giungere ai suoi attuali alti livelli di cooperazione ed integrazione europea. Dato che il commercio equo solidale Ł parte dun movimento decentralizzato, privo di una struttura gerarchica, Ł inevitabile che se ne abbiano piø definizioni. La definizione che adotteremo nel presente trattato si rif a quella adottata nel 1999 da FINE, unorganizzazione informale che raggruppa i quattro principali network internazionali che si occupano di questo tipo di commercio. Il commercio equo solidale Ł un approccio alternativo al commercio internazionale convenzionale: si tratta di una

Anteprima della Tesi di Guido Cladini

Anteprima della tesi: Il commercio equo e solidale: il caso delle banane - Aspetti normativi, organizzativi e di mercato, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Agraria

Autore: Guido Cladini Contatta »

Composta da 137 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8846 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.