Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'opinione pubblica come ''stakeholder'' emergente; pressioni sociali su Nike e Reebok e strategie di risposta

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

La tensione che questi due effetti contrastanti possono generare, a volte, fa in modo che le multinazionali vengono percepite da parte della società come soggetti che agiscono in contrasto con l’interesse generale della collettività. Inoltre l’evoluzioni di imprese verso dimensioni multinazionali porta con sé, ad esempio, lo sviluppo di infrastrutture (reti di trasporto), lo sviluppo e l’innovazione di sistemi di comunicazione (telefonia, reti di comunicazione wireless ). Appare evidente quindi che un tale sviluppo di imprese è portatore di miglioramento economico ed è causa di una evoluzione e di un progresso del sistema sociale complessivo. Contemporaneamente però si deve anche constatare che il funzionamento generale e complessivo dell’amministrazione dei paesi che beneficiano di ingenti capitali esteri venga fortemente condizionato. GLOBALIZZAZIONE DEI MERCATI XIV . L’intuizione è che con la globalizzazione l’impresa acquisti funzioni e prerogative proprie della pubblica amministrazione. Il fare in modo che le aziende situino le loro attività in qualsiasi parte del mondo in cui è per loro conveniente è una specificità della globalizzazione. E’ chiaro che una pubblica amministrazione, che per definizione ha come ambito di competenza una nazione, non è in grado di garantire la tradizionale tutela degli equilibri tra persone ed aziende in un contesto globale. A tale riguardo uno dei motivi per cui l’impresa si assume la responsabilità sociale deriva dal fatto che essa vuole limitare l’intervento dei poteri pubblici. Il rispetto delle normative comporta un costo per l’impresa e ne restringe il margine di azione. Questa idea è anche in accordo con la teoria della sussidiarietà dello stato, ed è anche coerente con la teoria dell’organizzazione per cui il potere decisionale deve essere mantenuto il più possibile vicino a dove i problemi vanno risolti o le decisioni vanno prese. Essa preferisce sempre avere libertà nelle strategie di risposta al mercato e ai gruppi di pressione sociale. Questi gruppi poi sono molto determinati. Infatti anche grazie a Internet, la società civile, rappresentata da tali gruppi, è riuscita ad organizzarsi e a farsi sentire manifestando i suoi bisogni e le sue aspettative. Si potrebbe quindi sostenere che essendo essa stessa lo stakeholder più influente (grazie anche allo spazio che le è stato dedicato dai media) è lei che spinge maggiormente verso l’adozione di una CSR. XIV Massei M.A., op. cit.

Anteprima della Tesi di Francesco Bottino

Anteprima della tesi: L'opinione pubblica come ''stakeholder'' emergente; pressioni sociali su Nike e Reebok e strategie di risposta, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Francesco Bottino Contatta »

Composta da 160 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2969 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.