Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Antropologia della danza in contesto africano. Un'esperienza in Ghana

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

L’Africa danzante ________________________________________________________ schiena fortemente arcuata, il petto aperto e spinto al massimo in fuori, le spalle indietro e la testa verso l'alto con fierezza di intenti mimici.(v.Gaeme 1993). Dalla mia esperienza in Ghana ho potuto documentarmi sul fatto che esistono tre tamburi tradizionali, che si somigliano per forma e si differenziano per grandezza e timbro.La loro forma è conica e si suonano completamente poggiati a terra, a differenza del djémbe che richiede almeno una parte del tronco dello strumento, staccato dal punto dove si poggia per suonarlo. Questi strumenti della tradizione ghanesi sono: ~ Sogo, il più grande dei tre che a volte può svolgere la funzione del doumdoum; ~ Kidi, il medio e solitamente il più variopinto di tutti con vernici applicate al tronco di legno; ~ Kaga, il più piccolo e quindi suonato spesso dai più giovani. Sempre in Ghana esiste un tamburo di dimensioni enormi chiamato Atzimu con un'altezza simile a quella delle persone, che viene suonato solo in occasioni molto particolari come il funerale di una persona anziana molto importante della comunità.

Anteprima della Tesi di Serena Ademollo

Anteprima della tesi: Antropologia della danza in contesto africano. Un'esperienza in Ghana, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Serena Ademollo Contatta »

Composta da 207 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8108 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.