Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Antropologia della danza in contesto africano. Un'esperienza in Ghana

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione ________________________________________________________________________ Spero di aver trovato le parole più adatte a spiegare i movimenti delle danze “partecipativamente osservate”. Lungo questo percorso non ho omesso le mie iniziali difficoltà provocate dal tipico senso di “spaesamento”. Ho cercato di narrare al meglio tutti gli eventi e situazioni a cui ho assistito e partecipato, dove la danza di Agoro occupava uno spazio importante. Eventi in contesti anche molto diversi tra loro (si veda il funerale e l’esibizione per un grande albergo) che davano adito anche a mutamenti coreografici. Ho, infatti, parlato di come la stessa danza potesse cambiare per un tipo di utenza o per un altro. Ho, inoltre, fatto un’analisi di Husago dance, nella diversità di esecuzione da parte di Agoro e di Timora, un’altra compagnia che ho avuto modo di descrivere. Purtroppo, proprio quando stavo per ambientarmi e la porta su quel mondo sembrava aprirsi ogni giorno di più, qualcosa è arrivato a richiuderla violentemente. La malaria, spaventadomi, ha fortemente contribuito ad interrompere l'esperienza di campo di un’aspirante antropologa.

Anteprima della Tesi di Serena Ademollo

Anteprima della tesi: Antropologia della danza in contesto africano. Un'esperienza in Ghana, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Serena Ademollo Contatta »

Composta da 207 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8108 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.