Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Previdenza complementare e trattamento di fine rapporto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 1.2 Il pluralismo previdenziale secondo l’art. 38 della Costituzione Un notevole dibattito si è sviluppato sul significato da attribuire all’espressione “sicurezza sociale” portando a tre diverse opzioni. 12 La prima si incentra sulla sicurezza sociale come soddisfacimento di alcuni bisogni essenziali. Sono tali i bisogni individuali ed economici. Alla base di tale concezione vi è il principio di solidarietà, il quale chiama a concorrere al soddisfacimento dei bisogni di quei soggetti la cui capacità economica non è sufficiente a far fronte alle necessità. 13 Interessante è, inoltre, sottolineare le diverse forme che la solidarietà può assumere e la loro coesistenza all’interno del sistema: solidarietà volontaria e spontanea che aveva già caratterizzato l’esperienza delle mutue assicuratrici, solidarietà imposta dallo Stato tipica delle assicurazioni obbligatorie e solidarietà finale dello Stato che interviene applicando il principio di sussidiarietà sociale 14 nelle situazioni non altrimenti tutelate. Tali principi trovano riscontro nella Carta costituzionale, in particolare nell’art. 2 e nell’art. 38 Cost.. In quest’ultima norma è rinvenibile l’”interpretazione dualistica” della sicurezza sociale 15 che è fondata su una lettura separata dell’assistenza (c. 1) e della previdenza sociale (c. 2). La prima è l’espressione della volontà di garantire ai cittadini l’indispensabile per la vita, mediante un servizio pubblico ed un finanziamento a carico dello Stato, mentre la seconda prevede l’impegno a garantire ai lavoratori la protezione specifica cui hanno diritto, ferma restando la diretta partecipazione di questi ultimi agli oneri relativi. 16 Si ritiene inoltre che 12 Leone Gabriella, Interesse pubblico e interessi privati nella previdenza complementare, Giornale di diritto del lavoro e di relazioni industriali n. 90, 2001, 2, pag. 277 13 Chiarelli G., Appunti sulla sicurezza sociale, Rivista di diritto del lavoro, 1965, pag. 287 14 Simi V., Sui principi della sicurezza sociale, Previdenza sociale, 1986, pag. 22 15 Cinelli Maurizio, Sicurezza Sociale, Enciclopedia del diritto, XLII, Milano, 1990, pag. 502 16 Simi V., L’attuazione dei principi costituzionali in materia di sicurezza sociale in Il pluralismo previdenziale secondo Costituzione, Milano, 1986, pag. 42

Anteprima della Tesi di Samuele Fumagalli

Anteprima della tesi: Previdenza complementare e trattamento di fine rapporto, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Samuele Fumagalli Contatta »

Composta da 161 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10851 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 42 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.