Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Previdenza complementare e trattamento di fine rapporto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 La terza dottrina aderisce alla tesi dualistica pur rifiutando la rilevanza accordata all’art. 38, comma 4. Tale opzione ha escluso che nel disegno costituzionale vi siano forme di organizzazione necessarie per la tutela delle diverse situazioni giuridiche. Ritiene, invece, che sia gli organi che gli istituti possano essere coinvolti nella realizzazione del sistema previdenziale e di quello assistenziale. 21 E’ da inserire nel dibattito sulla sicurezza sociale il legame tra l’art. 38 e la previdenza complementare. La dottrina è concorde nel ritenere affermata nell’art. 38 la garanzia costituzionale delle forme di previdenza privata, ma diverge profondamente sulla collocazione di tale garanzia all’interno della norma stessa. 22 L’art. 38 Cost., dopo aver definito, al secondo comma, i fondamenti del sistema previdenziale italiano, al quinto, aggiunge che “l’assistenza privata è libera”. La dottrina, in epoca precedente all’entrata in vigore del D.lgs. 21 aprile 1993 n. 124, aveva ampiamente dibattuto sul ruolo che la previdenza complementare occupava all’interno del sistema previdenziale. In particolare, si era discusso se essa fosse riconducibile alla previdenza privata di cui all’art. 38, comma 5, Cost. ovvero al comma 2 dello stesso articolo. 23 Secondo una tesi, poiché il secondo comma contiene un obbligo per lo Stato di garantire “mezzi adeguati alle esigenze di vita” dei lavoratori in caso di determinati bisogni, in nome di un interesse pubblico generale (art. 3 Cost.), la garanzia per i regimi complementari sarebbe da rinvenirsi solo nell’ultimo comma che garantisce anche la libertà della previdenza, oltre che nell’art. 47 Cost. (tutela del risparmio). All’ultimo comma dell’art. 38 20 Rossi F. P., La previdenza sociale, Padova, 2000, pag. 27 21 Cinelli Maurizio, Sicurezza Sociale, Enciclopedia del diritto, XLII, Milano, 1990, pag. 504 22 Ciocca Giuliana, Olivelli Paola, Previdenza complementare, Enciclopedia giuridica, Milano, 2001, pag. 7 23 Boer Paolo, La previdenza complementare in Flessibilità e diritto del lavoro di Giuseppe Santoro Passarelli, Torino, 1997, pag. 305

Anteprima della Tesi di Samuele Fumagalli

Anteprima della tesi: Previdenza complementare e trattamento di fine rapporto, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Samuele Fumagalli Contatta »

Composta da 161 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10853 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 42 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.