Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Previdenza complementare e trattamento di fine rapporto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 fanno riferimento in molti 24 25 , sostenendo, di conseguenza, la libertà dei privati, timorosi che una regolamentazione eccessiva ne restringa lo spazio. La tesi, oggi prevalente, tende a distinguere all’interno della previdenza privata quella complementare, destinata al soddisfacimento di “bisogni socialmente rilevanti” 26 , diretti al mantenimento del tenore di vita dei lavoratori, e ritiene che quest’ultima costituisca un mezzo per realizzare i fini previsti dal secondo comma, lasciando all’ultimo la protezione di bisogni ulteriori. Alcuni giuristi fanno riferimento anche al quarto comma dell’articolo citato, che definisce gli strumenti per la realizzazione dei fini della sicurezza sociale. 27 Per altri, il quarto comma è alla base della collocazione della previdenza complementare all’interno di un regime “integrato” di previdenza pubblico-privato. 28 L’art. 38, nel suo secondo comma, è norma di scopo che non delinea un puro e semplice programma. La giurisprudenza della Corte Costituzionale insegna che trattasi di norma con “carattere precettivo” che impegna “lo Stato (…) ad operare” 29 . La Corte Costituzionale (Sent. 160 del 6 giugno 1974) ne fa discendere dei “veri e propri diritti di prestazione” che si devono valutare nel contesto delle norme che con il comma sopra citato, fanno sistema: si tratta del principio di tutela previsto dall’art. 35, nel quale “la Repubblica” deve al “lavoro in tutte le sue forme” o del diritto ad “assicurare a sé e alla famiglia” la “esistenza libera e dignitosa” prefigurata nell’art. 36 o, ancora della considerazione dei bisogni dell’età 24 Ciocca Giuliana, Previdenza integrativa, previdenza integrata e previdenza libera nell’ottica dell’art. 38 Cost., in Diritto del lavoro, 1988, pag. 467 25 Proia Giampiero, La Corte Costituzionale e la previdenza complementare, in Argomenti di diritto del lavoro, 1995, fasc. 2, pag. 173 26 Ciocca Giuliana, Olivelli Paola, Previdenza complementare, Enciclopedia giuridica, Milano, 2001, pag. 7 27 Mazziotti F., Commento all’art. 2, in Disciplina delle forme pensionistiche complementari, in Nuove leggi civ, 1995, pag. 181 28 Ciocca Giuliana, Previdenza integrativa, previdenza integrata e previdenza libera nell’ottica dell’art. 38 Cost., in Diritto del lavoro, 1988, pag. 474 29 Bessone Mario, Previdenza complementare, Torino, 2000, pag. 31

Anteprima della Tesi di Samuele Fumagalli

Anteprima della tesi: Previdenza complementare e trattamento di fine rapporto, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Samuele Fumagalli Contatta »

Composta da 161 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10851 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 42 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.