Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le donne e la mafia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 effettivo della sua comparsa - le sue origini si perdono tra gli eventi dell’Ottocento - la mafia ha un preciso luogo d’origine e di insediamento, anche se poi, con il passare del tempo, si è ramificata in più zone, sia in Italia sia nel resto del mondo. Lo stesso termine, nonostante venga oggi usato con riferimento a contesti sociali apparentemente molto diversi tra loro (Cina, Russia, Giappone), è ancora associato a manifestazioni tipiche del nostro Mezzogiorno. Valori quali la famiglia, il rispetto, l’onore e la vendetta, inoltre, sebbene “presi in prestito” dalla società, in particolare da quella siciliana, all’interno della quale godono di un grande consenso sociale, subiscono una reinterpretazione strumentale da parte della mafia, che li riutilizza secondo precisi scopi. Per molti anni è stata negata l’esistenza della mafia, intesa come società segreta non omologabile alla comune criminalità organizzata; quando ormai l’intera società civile era consapevole della presenza del fenomeno mafioso, è arrivata anche la prima ammissione ufficiale da parte della Commissione Parlamentare di inchiesta sul fenomeno mafioso in Sicilia che, solo in seguito a numerosi anni di ricerche, pubblicherà nel 1976 i risultati delle informazioni raccolte sull’organizzazione. Tali ammissioni pubbliche si rivelano molto importanti: infatti, oltre ad aver finalmente ammesso l’esistenza della mafia da un punto di vista giuridico, da un lato hanno decretato la pericolosità del fenomeno, dall’altro hanno rappresentato un punto di partenza per l’offensiva contro lo stesso. Il silenzio così a lungo mantenuto attorno alla mafia ne ha facilitato la proliferazione: non considerata un fenomeno reale, spesso ritenuta solamente una creazione letteraria o giornalistica, non si è mai fatto molto

Anteprima della Tesi di Manuela Selva

Anteprima della tesi: Le donne e la mafia, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Manuela Selva Contatta »

Composta da 185 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 28159 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 72 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.