Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strategie competitive nel settore della nautica da diporto. Il caso Rancraft

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1.4 DIFFICOLTÀ DI INDIVIDUAZIONE DEL SETTORE IN MODO UNIVOCO L’individuazione dei legami di sostituibilità esistenti fra i vari prodotti/servizi è una rappresentazione statica di una certa situazione che, quindi, non risolve il problema della definizione dei confini settoriali, il quale si presenta come un fenomeno essenzialmente dinamico. Dal punto di vista dell’offerta, l’innovazione tecnologica modifica continuamente la tecnica utilizzata per la fabbricazione di determinati prodotti. Dal punto di vista della domanda, è possibile che tra prodotti un tempo considerati sostitutivi si vengano a stabilire legami di complementarità al variare del reddito disponibile per il consumatore. L’identificazione di uno specifico settore va considerata con una validità storicamente determinata. I settori sono, oggi, sempre meno oggettivizzati; le imprese che li costituiscono acquistano una sempre maggiore individualità, divenendo agenti attivi di cambiamento del rapporto relativo in cui si pongono e le vicende del settore rispecchiano le vicende delle singole imprese prese in considerazione. Imprese che, in un dato istante, vengono considerate omogenee, possono non esserlo più per effetto di una trasformazione che avviene in un’altra impresa o in un altro settore terzo rispetto a quello considerato. 28 1.5 INDIVIDUAZIONE ED UTILITÀ DEL RAGGRUPPAMENTO STRATEGICO E DEL RAGGRUPPAMENTO COMPETITIVO La riclassificazione secondo il raggruppamento strategico offre un quadro di riferimento intermedio fra il livello dell’intero settore e quello della singola impresa. La struttura interna del settore è rappresentabile attraverso la configurazione di diversi raggruppamenti, ciascuno dei quali caratterizzato da una propria struttura competitiva e da un proprio grado di attrattività/accessibilità. 29 Imprese che sviluppano offerte simili potrebbero non essere realmente in concorrenza tra loro perché, ad esempio, utilizzano leve o dimensioni strategiche diverse. Il concetto di raggruppamento strategico tende, però, a focalizzare l’attenzione verso le imprese che adottano strategie simili, approccio che non consente di seguire la logica strategica, la quale non consiste nel confrontarsi con i propri simili, imitandoli, con la speranza di migliorare la propria posizione competitiva, ma nell’utilizzare le proprie competenze per cercare di essere differenti. 28 Sull’argomento vedasi: Cfr. Volpato, Concorrenza, Imprese e Strategie, Il Mulino, Bologna 1995, Cap.2 29 Sull’argomento vedasi: G.Bianchini, Concorrenza, Regole, Strategia Aziendale, F.Angeli, Milano 2001, Cap.1

Anteprima della Tesi di Nicola Dario

Anteprima della tesi: Strategie competitive nel settore della nautica da diporto. Il caso Rancraft, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Nicola Dario Contatta »

Composta da 196 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 16450 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 71 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.