Skip to content

Il marketing degli stadi di calcio in Europa: il caso dell'Amsterdam Arena

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
12 In questo intervallo di tempo le prove del reato commesso possono essere acquisite tramite filmati, foto, testimonianze o altri elementi e consentire l’arresto dei colpevoli processabili per direttissima. Per superare tale impasse è necessario lavorare sulla cultura di chi segue il calcio facendo formazione nelle scuole e fare dello stadio un punto di ritrovo accogliente e funzionale, ma soprattutto sicuro. Ma un paese come l’Italia è ancora all’inizio di questa battaglia se si guarda all’Inghilterra, vero e proprio modello di efficienza in questo campo, che è riuscita ad arginare con fermezza l’annoso problema degli hooligans, quanto meno in patria. In Inghilterra i club, grazie a un appropriato sostegno legislativo, hanno tagliato i ponti con la tifoseria violenta. Dopo le tragedie nell’85 dell’Haisel e a Bradford e nel 1989 a Hillsborough, un giudice indipendente promosse un rapporto, il “rapporto Taylor”, in cui si affermava che il motivo principale di quelle catastrofi era stata la vecchiaia del fenomeno calcistico: il pubblico era trattato sempre più come un possibile pericolo. Migliorare lo spettacolo significava migliorare le condizioni di accesso allo stadio e di fruizione della partita. Il rapporto inizialmente incontrò molto scetticismo e opposizione, ma in seguito, come suggerito dal rapporto, tutti i posti divennero sedere e, di conseguenza, la situazione migliorò decisamente. Il “rapporto Taylor” cambiò totalmente il significato del pubblico calcistico: oggi si parte dai principi che chi va allo stadio è una persona civile e che lo stadio è pieno di persone civili. 6 Il rapporto fu seguito dalla legge Taylor che, nel 1991, prevedendo la ristrutturazione di tutti gli stadi inglesi, destinò 952 miliardi di lire in totale al rinnovo delle strutture dal 1988 al 1996; da tale anno, concluso il sostegno finanziario governativo in questo campo, i club inglesi sono stati costretti a coprire interamente in proprio i costi per l’ordine pubblico negli stadi. Un esempio delle operazioni di sicurezza in un impianto inglese è dato dall’Arsenal nello stadio di Highbury: all’interno della struttura, durante la partita, vengono utilizzati circa 370 stewards ed un numero variabile di poliziotti, fino a un massimo di 60 per gli incontri di cartello. Gli stewards (i quali, essendo pagati dai club e non avendo la qualifica di organi di polizia, non pesano sui contribuenti), sono sottoposti a 5 corsi di formazione che trattano diversi argomenti (procedure generali per i biglietti, pronto soccorso e aspetti legali per bloccare e espellere i tifosi). L’Associazione dei Gestori per la Sicurezza del Calcio, in collaborazione con i club, ha definito un programma nazionale minimo per qualificare gli operatori come formati. Tramite questo approfondito e completo iter formativo, gli stewards sono in grado di garantire non solo il mantenimento di un corretto comportamento da parte dei tifosi, ma anche informazioni e 6 Cfr. LANFRANCHI P., Stadi aperti contro la violenza (Convegno organizzato dalla Lega Nazionale dei Professionisti della F.I.G.C.), in SpazioSport Mese, dicembre 1997, p. 17
Anteprima della tesi: Il marketing degli stadi di calcio in Europa: il caso dell'Amsterdam Arena, Pagina 9

Preview dalla tesi:

Il marketing degli stadi di calcio in Europa: il caso dell'Amsterdam Arena

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Cuzzupoli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Marco Castellett
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 113

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

marketing mix
politiche di prodotto
marketing territoriale
marketing sportivo
afc ajax
calcio
stadi
amsterdam arena
stadi calcistici
marketing degli stadi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi