Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli impianti di teleriscaldamento per lo sviluppo sostenibile. Analisi del caso di Cavalese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 1. FONTI E APPROVVIGIONAMENTI DI MATERIE PRIME 1.1 DISPONIBILITA’ ED USO RAZIONALE DELLA BIOMASSA LEGNOSA NELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO 1.1.1 Inquadramento territoriale e vegetazionale Per introdurre l’argomento e, soprattutto, per chiarire bene il contesto in cui sono state fatte le analisi, è importante tenere in considerazione alcuni aspetti. Il territorio trentino è collocato per il 70% sopra la quota di 1000 m e rientra quindi tra quelli delle regioni montuose [2]. Le foreste occupano il 55% dell’intero territorio provinciale, la cui superficie forestale è soggetta da tempo a pianificazione. In effetto di queste pianificazioni, sono note le produzioni e programmati i prelievi (il rapporto tra gli uni e gli altri è del 54%). Tutti i dati sono archiviati in sistemi informatici e georeferenziati; le conclusioni cui si giungerà non sono quindi basate su rilievi specifici effettuati durante il lavoro di tesi, ma derivano dall’elaborazione degli archivi informatizzati che contemplano, nella fustaia (che si distingue dal bosco ceduo per il fatto che gli alberi sono cresciuti da un seme), i volumi sopra la soglia di cavallettamento, cioè tronchi di diametro superiore ai 17,5 cm. In base alla pianificazione, il 20% della superficie forestale è classificato di protezione (ad evoluzione naturale). Nell’ambito di tale classe nessun intervento viene fatto dall’uomo, lasciando il bosco al suo libero sviluppo secondo i processi naturali. In esso è dunque esclusiva la funzione protettiva (fasce d’alta quota).

Anteprima della Tesi di Patrizia Vida

Anteprima della tesi: Gli impianti di teleriscaldamento per lo sviluppo sostenibile. Analisi del caso di Cavalese, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Patrizia Vida Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6991 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.