Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il capitalismo italiano negli anni Novanta

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 Il passaggio dal controllo diretto al controllo indiretto del credito non consentiva più al Tesoro di far ricorso a vincoli amministrativi per agevolare il collocamento dei titoli presso le banche, né permetteva un elevato finanziamento con base monetaria del suo fabbisogno 16 . I riflessi del nuovo corso monetario, che ormai era saldamente in mano alla Banca d’Italia 17 , si manifestarono con un aumento dei tassi di rendimento che lo Stato ebbe a pagare per finanziarsi. Già a partire dal 1981 i tassi di interesse in termini reali divennero positivi e presto si portarono ad un livello superiore al saggio di crescita del reddito. Effetti peraltro voluti in un primo momento dall’impostazione antinflazionistica della politica monetaria che avviò così il processo di rientro dall’inflazione. ù d 16 ARCELLI M. – MICOSSI S. (1997), “La politica economica negli anni Ottanta, e primi anni Novanta.”, Economia italiana, ½, pp. 306 17 ADDIS E. (1987), op. cit., pp. 92

Anteprima della Tesi di Emanuele Di Giorgi

Anteprima della tesi: Il capitalismo italiano negli anni Novanta, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Emanuele Di Giorgi Contatta »

Composta da 209 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2026 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.