Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Donne extracomunitarie nel settore dell'assistenza domiciliare. Un progetto pilota per il loro inserimento socio-lavorativo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 Il primo comprende le mansioni ripetitive e ricorrenti di pulizia e di manutenzione della casa, la preparazione dei pasti, ma anche la manutenzione dell'apparato tecnologico-domestico (come i rapporti con gli operai, artigiani addetti alla manutenzione). Il secondo riguarda invece l'organizzazione degli acquisti o il ricorso a servizi, che la donna assume in quanto mediatrice tra bisogni della famiglia e mercato (svolgimento di pratiche burocratiche, contatti con la scuola, con servizi sociali e sanitari o l'organizzazione di acquisti e pagamenti). Il terzo di tipo di lavoro ha natura relazionale, concerne il costante impegno e l'attenzione ai membri della famiglia, dalla risoluzione di conflitti interni ai rapporti esterni. E' un lavoro dunque multiplo e complesso, che presenta vari tipi di difficoltà. Numerose indagini e studi sottolineano come per le donne l'intersecarsi delle attività di lavoro con quelle familiari, oltre a costituire un carico materiale e psicologico, tende a scontrarsi con l'articolazione dei diversi tempi sociali e con le modalità con cui le diverse funzioni urbane sono organizzate nello spazio e nel tempo (c.d. rigidità incrociate). In tal modo un peso supplementare per la popolazione femminile deriva dalle necessità funzionali connesse con gli spostamenti e le difficoltà a sincronizzare diverse attività che richiedono contatti con negozi, uffici, agenzie pubbliche o private che operano secondo orari rigidi e prestabiliti; un esempio in tal senso, sono alcune istituzioni pubbliche (come l'asilo nido), che per quanto aiutino la famiglia ad alleggerirsi di una parte dei compiti di cura e assistenza, al tempo stesso attribuiscono nuovi compiti, soprattutto sotto forma di lavoro di partecipazione, adattamento e integrazione. La denuncia argomentata dei problemi che derivano da quanto esplicato si inserisce in una più generale rivendicazione del diritto a un funzionamento della città che accresca la qualità della vita degli abitanti e la renda user friendly, ovvero amica di chi la usa. 10 La conciliazione lavoro-famiglia, è dunque complessa e fonte di quotidiane tensioni anche per le trasformazioni del lavoro familiare. 10 BALBO L., Tempi di vita. Studi e proposte per cambiarli, Feltrinelli, Milano 1991.

Anteprima della Tesi di Silvia Russo

Anteprima della tesi: Donne extracomunitarie nel settore dell'assistenza domiciliare. Un progetto pilota per il loro inserimento socio-lavorativo, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Silvia Russo Contatta »

Composta da 153 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2690 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.