Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'estensione urbana verso il mare: una nuova strategia per lo sviluppo turistico e commerciale della città della Spezia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 ed esigui spazi dove era possibile svolgere i commerci e la vita associativa in genere 14 . Solo con l’abbattimento delle mura seicentesche “gli spezzini sbucarano dal ferreo recinto per distendersi al sole meridiano” 15 e la città si aprì al mare in corrispondenza dell’antica Piazza della Marina che costituiva un grande spazio aperto nel quale si organizzavano fiere, feste e manifestazioni collettive di vita cittadina 16 . Oggi rimangono poche tracce sopravvissute alle trasformazioni del secolo XIX e ai bombardamenti della seconda guerra mondiale: il castello di San Giorgio, posto su un piccolo rilievo chiamato il Poggio, dominante l’abitato antico e le mura trecentesche e seicentesche. La ligusticità è ancora ben percepibile, sia nel tessuto urbano che nella tipologia edilizia decorativa, la si coglie percorrendo l’asse storico medioevale di Via del Prione (carogio drito), che venne lastricato con pietra arenaria proveniente dalle cave di Biassa 17 , congiungendo così Piazza della Marina con il centro della città. Il nome della strada (che abbiamo in comune con Salita del Prione a Genova), designerebbe una grossa pietra sulla quale saliva il banditore del comune per dare lettura dei bandi pubblici (prion in dialetto) 18 . Oggi rappresenta la principale strada pedonale e commerciale della città. Nel 1853 La Spezia venne scelta quale luogo per le “bagnature” estive dalla famiglia del re Vittorio Emanuele II. La notorietà della Spezia come luogo climatico e di villeggiatura consentì di creare alcune strutture alberghiere che avviarono una tradizione ricettiva e di ospitalità. 14 A. MARMORI, Guida della Spezia, Assessorato al Turismo del Comune della Spezia, La Spezia, Litografia Europa, 2001, p. 6 15 U. FORMENTINI, Itinerario storico artistico della Spezia e del suo golfo, La Spezia, Ente Provinciale per il Turismo della Spezia, 1959, p. 17 16 A. FARA, Le città nella storia d’Italia, La Spezia, Bari, Laterza, 1983, p. 46 17 P. CEVINI, La Spezia …, cit., pp. 68-69 18 F. LENA, Mille anni nel Golfo. La storia della Spezia anno per anno, La Spezia, Edizioni Cinque Terre, 2002, pp. 81-82

Anteprima della Tesi di Ernesto Gianardi

Anteprima della tesi: L'estensione urbana verso il mare: una nuova strategia per lo sviluppo turistico e commerciale della città della Spezia, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Ernesto Gianardi Contatta »

Composta da 151 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3854 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.