Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valutazione della comunità fitoplanctonica di un grande lago subalpino, il lago d’Iseo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

La scarsa qualità delle acque del Sebino è ampiamente confermata anche dai dati fisici e chimici. La trasparenza media annua è di 5,40 m e rappresenta un valore troppo basso per un lago così ampio e profondo. La concentrazione media annua di fosforo totale, pari a 53 µg/l, rientra nell’intervallo 35 – 100 µg/l che, secondo il sistema di classificazione rigido dell’OCSE, classifica il lago come lago eutrofo; tale concentrazione determina il 50 % di probabilità che il Sebino sia eutrofo secondo il sistema di classificazione probabilistico dell’OCSE. Considerando l’andamento della concentrazione del fosforo totale dagli anni ’70 al 2002, si osserva un aumento in particolare tra 100 e 200 m di profondità (nel 2002 si raggiunge un valore attorno a 90 µg/l) e ancor di più oltre i 200 m (circa 150 µg/l). L’accumulo di fosforo nell’ipolimnio si evidenzia in particolare dagli anni ’80, in corrispondenza dell’ultima completa circolazione delle acque del lago. Il mancato rimescolamento delle acque dal 1981 è testimoniato anche dalle concentrazioni di ossigeno disciolto che mostrano ipossia oltre i 100 m di profondità (valori attorno 3 mg/l) e anossia oltre i 200 m. Le condizioni anossiche sul fondo del lago favoriscono il rilascio di fosforo dai sedimenti, aggravando ulteriormente la situazione. Per necessità riassuntive si rimanda alla tesi in formato integrale per i dati relativi agli altri parametri chimici e fisici. L’unico possibile rimedio è la riduzione al minimo degli apporti di fosforo derivanti dai centri rivieraschi e dal bacino imbrifero. Si ritiene che la rilevante quantità di fosforo che giunge al lago da fonti diffuse non potrà presumibilmente essere contenuta, mentre sarà necessario ipotizzare misure di intervento finalizzate alla riduzione dei carichi puntuali. Una diminuzione dei carichi si potrebbe ottenere realizzando i già previsti allacciamenti agli impianti di depurazione Iseo Nord e Iseo Sud di quei comuni che ancora sversano i liquami direttamente nel lago e chiudendo gli impianti mal funzionanti.

Anteprima della Tesi di Silvia Cattaneo

Anteprima della tesi: Valutazione della comunità fitoplanctonica di un grande lago subalpino, il lago d’Iseo, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Silvia Cattaneo Contatta »

Composta da 165 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1472 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.