Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il contributo dei fattori intangibili nella valutazione d'impresa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1. I Principali Metodi di Valutazione d’Impresa 13 La valutazione relativa e quella basata sull’attualizzazione dei flussi di cassa, in generale, portano a stime diverse del valore di impresa, a causa del diverso principio economico che sottende questi due metodi. L’approccio del DCF, infatti, ipotizza che il mercato commetta errori di valutazione, ma che nel tempo questi errori vengano corretti tramite revisioni delle previsioni effettuate dagli analisti. La valutazione relativa, invece, assume che i prezzi di mercato siano, in media, corretti anche se vi è la possibilità che il mercato commetta errori nel valutare singoli titoli. 1.2.1 UTILIZZO DEI MULTIPLI DA PARTE DEGLI INVESTITORI Il metodo dei multipli può essere utilizzato dagli investitori come leva del processo decisionale riguardante le transazioni da effettuare sui mercati finanziari. I multipli, infatti, sono un parametro fondamentale utilizzato dai mercati per effettuare una classificazione dei titoli delle imprese. In merito a ciò, si possono distinguere: - value stock, caratterizzate da elevati rapporti BM, PE, CP (cash flow to price) e bassi utili; - growth stock, caratterizzate da bassi rapporti BM, PE, CP ed elevati utili. In base alla classificazione delle azioni secondo il criterio esposto, gli investitori possono decidere quali titoli includere nei propri portafogli d’investimento. La scelta degli investitori è legata principalmente ai rendimenti che i titoli azionari forniscono. Fama e French (1998) hanno dimostrato che le value stock tendono ad avere rendimenti più alti delle growth stock, attraverso un’analisi dei rendimenti di portafogli formati da growth e value stock quotate sul mercato americano e nell’EAFE (Europa, Australia, Far East) nel periodo 1975-1995. Gli autori sostengono che il maggior rendimento delle value stock, rispetto alle growth stock, è legato a un maggior premio richiesto dagli investitori come compensazione per il mancato rischio. Questo risultato è in contraddizione con studi precedenti (Lakonishok, 1994; Haugen, 1995), in base ai quali le value stock hanno un rendimento più elevato perché sono inizialmente

Anteprima della Tesi di Claudia Pellegrini

Anteprima della tesi: Il contributo dei fattori intangibili nella valutazione d'impresa, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Claudia Pellegrini Contatta »

Composta da 298 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6280 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.