Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il contributo dei fattori intangibili nella valutazione d'impresa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1. I Principali Metodi di Valutazione d’Impresa 15 Il limite principale è legato al fatto che, nella maggior parte dei casi, si assumono come imprese comparabili quelle dello stesso settore dell’impresa in esame e ciò può portare a valutazioni distorte, dovute ad una sopravvalutazione o sottovalutazione dell’intero settore. Un modo per ovviare a questo problema, almeno in via teorica, è ampliare l’elenco delle imprese comparabili ed effettuare delle regressioni sull’intero mercato per tenere conto delle differenze tra di esse. Uno dei primi studi in merito (Kisor, Whitbeck, 1963) ha effettuato una regressione utilizzando i dati della Bank of New York relativi a 135 titoli nel giugno 1962 ed ha ottenuto un’equazione in cui le variabili di regressione sono: la varianza dell’EPS, il tasso di crescita degli utili e il rapporto di distribuzione degli utili, ossia le determinanti fondamentali del rapporto PE. I risultati ottenuti dagli autori tramite la regressione spiegano la differenza tra i rapporti PE, ma non sono in grado di predire la performance dell’impresa. I limiti dell’approccio della regressione sono rappresentati dal fatto che spesso le variabili di regressione non sono indipendenti tra loro: ciò diminuisce l’affidabilità del modello. Alla base della regressione utilizzata dagli autori, si ha l’ipotesi di rapporto lineare e stabile nel tempo tra PE e i fondamentali, che può non corrispondere alla realtà; in particolare, se la relazione non è stabile, utilizzare l’equazione di regressione per effettuare previsioni può non essere appropriato. L’applicazione pratica dell’approccio della regressione, quindi, richiede innanzitutto l’individuazione del tipo di modello (lineare o non lineare) da utilizzare, aspetto che rende molto più complesso l’utilizzo dei multipli per la valutazione delle performance d’impresa. Pertanto, nella pratica, risulta molto complesso ovviare al problema del pericolo di possibili valutazioni distorte, che restano il principale limite dei metodi di valutazione relativa.

Anteprima della Tesi di Claudia Pellegrini

Anteprima della tesi: Il contributo dei fattori intangibili nella valutazione d'impresa, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Claudia Pellegrini Contatta »

Composta da 298 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6278 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.