Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le politiche urbane integrate e la questione del genere. Il caso di Grenoble

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO 1 Evoluzione e trasformazione del contesto urbano 14 mondo occidentale verso l’anno 1000. Essendo una miscela unica, la spirale di sviluppo non è comparabile a realtà differenti. Il processo non è stato però u- nivoco, ma sono individuabili tre grandi fasi storiche. La prima, che va dal Medioevo all’inizio della Rivoluzione industriale, ve- de l’affermarsi di una città “classica”, la trasformazione del pensiero politico e religioso 1 , lo sviluppo delle scienze e delle tecniche e la crescente autonomia degli individui. Abbiamo così il primo esempio di città moderna, perché con- cepita razionalmente da individui diversi e slegata dalla tradizione: essa è un progetto che mira a definire il futuro, il quadro spaziale di una nuova società 2 . La seconda fase di sviluppo urbano è associata alla rivoluzione agricola ed industriale. La motivazione non è certo misteriosa, deriva dall’esodo delle campagne, dovuto alla meccanizzazione dell’agricoltura, ed allo sviluppo del capitalismo industriale che necessitava di popolazioni concentrate nelle città. Le logiche che sono dietro il “boom” dello spazio urbano non differiscono dalle ideologie economiche divenute dominanti. L’Urbanistica moderna trova proprio in queste regole il suo fondamento, la specializzazione s’ispira al taylorismo ed alla divisione del lavoro in tranches successive ed indipendenti. Dalla fine del XIX secolo sono state messe in pra- tica queste idee sotto forma di Zoning Funzionale, cioè la crescita della città viene guidata con l’aggiunta di una serie di parti monofunzionali che doveva- no aggregarsi senza soluzione di continuità, nell’utopia che il processo potesse ripetersi all’infinito. S’imposero dunque correnti di pensiero miranti a definire un ordine razionale anche alla società, dal Bahaus di Mies Van der Rohe ai 1 Il peso della religione si riduce notevolmente e vede la luce, con la dilatazione dei territori, il concetto di Stato-Nazione. 2 Le caratteristiche architettoniche di questo periodo si concretizzano in grandi strade, in avenues, i giardini urbani, l’estensione delle città e la nascita dei sobborghi raggruppanti nuove attività e popolazioni. L’architettura si configura come una scienza moderna sempre più staccata dal passato.

Anteprima della Tesi di Beatrice Garavelli

Anteprima della tesi: Le politiche urbane integrate e la questione del genere. Il caso di Grenoble, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Beatrice Garavelli Contatta »

Composta da 195 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2047 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.