Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Risultati dei sistemi di qualità nelle aziende agroalimentari del Veneto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Con l’emissione di queste norme l’ISO si proponeva due scopi: ξ coordinare ed unificare o, più correttamente, armonizzare le norme nazionali in modo da concentrare il consenso su un solo standard di riferimento per tutte le imprese ξ fornire uno standard di supporto per le pratiche di gestione per la qualità, fattore determinante per la competizione aziendale. Questo fatto costituì una vera e propria rivoluzione nel campo della normativa mondiale, dal momento che, nel giro di pochi anni, praticamente tutti i paesi del mondo adottarono ed applicarono lo standard ISO 9000, che divenne così il modello di riferimento internazionale per lo sviluppo dei sistemi di qualità aziendali. Il CEN (Comitato Europeo di Normazione), che riunisce gli organismi di normazione dei paesi aderenti all’unione Europea ed all’EFTA (Associazione Europea di libero scambio), adottò integralmente la normativa internazionale ISO 9000. In Italia tali standard furono recepiti dall’UNI, l’organismo di normazione italiano, che tradusse la normativa internazionale nella serie di norme denominate UNI EN 29000. All’inizio degli anni Novanta il comitato tecnico ISO/TC 176, responsabile della stesura ed aggiornamento delle norme ISO 9000, iniziò la revisione degli standard, che terminò nel 1994 con la pubblicazione dell’edizione attuale. La norma aggiornata venne integralmente recepita a livello europeo dall’ente normatore preposto (CEN). In questa sede si decise di modificarne l’identificazione rispetto all’edizione 1987, chiamandola serie EN ISO 9000 anziché mantenere la vecchia denominazione. Le modifiche apportate vollero rispondere alle esigenze del mercato, facendo tesoro dell’esperienza della aziende che avevano applicato fino ad allora gli standard. Esse contribuirono a migliorare la comprensione dei testi delle norme, ad aggiungere o rafforzare alcuni requisiti ed a renderne altri meno onerosi per le imprese. Anche se per i sistemi qualità implementati prima del 1994 la nuova edizione delle norme non implicò una rivoluzione, venne richiesto un impegno aggiuntivo non trascurabile per la certificazione, soprattutto per le aziende che si erano limitate a rispettare alla lettera le prescrizioni delle precedenti norme. Tra le altre cose venne fatta chiarezza sui documenti da predisporre per certificare il sistema qualità, prevedendo esplicitamente la redazione del manuale della qualità; documento in cui devono essere definite le politiche, gli obiettivi, le regole e le responsabilità per la gestione della qualità.

Anteprima della Tesi di Lorenzo Andreotti

Anteprima della tesi: Risultati dei sistemi di qualità nelle aziende agroalimentari del Veneto, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Agraria

Autore: Lorenzo Andreotti Contatta »

Composta da 115 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1790 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.