Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La valutazione della didattica dell'ateneo Modenese. Un approccio fuzzy

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 14 Relativamente alla situazione italiana, la tematica generale della valutazione dell’insegnamento da parte degli studenti viene affrontata dalle università in relazione a quattro punti principali: − quello che lo studente saprà fare al termine degli studi; − se quello che impara è utile oltre ad essere necessario e sufficiente; − se il metodo educativo è efficiente; − se il sistema educativo mantiene le sue promesse. I primi due punti attengono all’accreditamento del Corso di Studi, implicando un giudizio di valore sui temi e sugli esiti della formazione; i secondi due riguardano il processo formativo ed è su tale tematica che verte la raccolta delle opinioni degli studenti. Da ciò è possibile comprendere come la tradizione delle università italiane limiti la funzione della valutazione da parte degli studenti alla sfera del “miglioramento della didattica” al fine di incentivare la dialettica tra docenti e studenti e permettere al sistema quel feedback continuo finalizzato all’efficienza nell’ apprendimento. Come accennato sopra è bene chiarire e ribadire che lo scopo della valutazione non è quello di compilare classifiche di merito fra i vari corsi per non aprire la strada ad un uso comparativo e amministrativo della valutazione, nonostante si prospetti anche nel nostro paese che la valutazione possa avere effetti su carriera o incentivi. Certo è da ritenere scorretto l’uso delle valutazioni allo scopo di classificare ordinalmente i docenti, in quanto gli studenti non sono valutatori ma fornitori di informazioni. Si mostra inoltre che una tale classificazione sarebbe inutile in quanto non è necessario effettuare paragoni tra docenti o tra insegnamenti, ma è sufficiente acquisire quegli elementi individuali che consentano di stabilire se viene raggiunto o meno il livello di sufficienza per la promozione o il compenso del docente. Il questionario che viene usato per raccogliere le informazioni degli studenti è stato quindi elaborato sulla base di quelle variabili evidenziate dalla ricerca, come più opportune nel permettere il collegamento tra qualità della didattica ed efficacia nell’apprendimento.

Anteprima della Tesi di Antonello Briglia

Anteprima della tesi: La valutazione della didattica dell'ateneo Modenese. Un approccio fuzzy, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Antonello Briglia Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2725 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.