Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La valutazione della didattica dell'ateneo Modenese. Un approccio fuzzy

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 4 CAPITOLO 1 LA VALUTAZIONE DELLA DIDATTICA NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA L’introduzione nel nostro ordinamento della legge 24 dicembre 1993 n° 537, collegata alla finanziaria del medesimo anno, affida alle amministrazioni centrali un ruolo di indirizzo, programmazione e valutazione dell’azione delle amministrazioni periferiche e a quest’ultime la responsabilità dell’utilizzo delle risorse e della gestione. In questo quadro si pone il problema di assicurare la presenza di procedure che consentano la valutazione della qualità dei servizi offerti, anche attraverso una misurazione del loro grado di efficacia ed efficienza. Efficacia rispetto agli scopi dell’azione, efficienza rispetto al processo di produzione del servizio stesso. Rispetto alle università se ne occupa l’articolo 5 della legge (sopra menzionata) attraverso l’istituzione dei Nuclei di valutazione interna e dell’Osservatorio per la valutazione del sistema universitario. 1 1.1 I nuclei di valutazione interna “Nelle università, ove già non esistano, sono istituiti nuclei di valutazione interna con il compito di verificare, mediante analisi comparative dei costi e dei rendimenti, la corretta gestione delle risorse pubbliche, la produttività della ricerca e della didattica, nonché l’imparzialità ed il buon andamento dell’azione amministrativa. I nuclei determinano i parametri di riferimento del controllo anche su indicazione degli organi generali di direzione, cui riferiscono con apposita relazione almeno annualmente” recita l’art. 5 comma 22 della legge 537/93. Il dettato legislativo oltre a determinare le principali funzioni attribuite ai nuclei stabilisce che la relazione, menzionata nel comma 22, debba essere trasmessa al Ministero dell’università e della ricerca scientifica e tecnologica (MURST), al Consiglio universitario nazionale e alla Conferenza permanente dei rettori (CRUI). A questo punto è necessario fare riferimento alla legge 19 ottobre 1 vedi: http://www.pplink.org/proteo/laboratcriticasociale/quaderno_20lcs_universita.htm

Anteprima della Tesi di Antonello Briglia

Anteprima della tesi: La valutazione della didattica dell'ateneo Modenese. Un approccio fuzzy, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Antonello Briglia Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2725 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.