Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'emissione di titoli di debito nella ''nuova'' srl

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 La cambiale finanziaria si configura come un titolo all’ ordine (girabile “senza garanzia” o equivalenti 19 ) e, nonostante la diversa circolazione rispetto ai titoli, diversa durata e valore nominale, presenta indubbie analogie con le obbligazioni: anche le cambiali finanziarie infatti sono assimilabili a titoli di credito di massa, emessi in relazione ad un unico finanziamento e per un capitale che «non può eccedere, unitamente alla raccolta mediante obbligazioni, il limite del capitale versato e delle riserve risultanti dall’ ultimo bilancio» 20 . L’ emissione di titoli è consentita, oltre che alle società con titoli negoziati in un mercato regolamentato, anche alle «altre società» che presentino bilanci attivi per gli ultimi tre esercizi 21 : formula, che, malgrado alcune perplessità, sembra legittimare all’ emissione anche le società non azionarie, vista la conferma proveniente dal fatto che la Banca d’ Italia abbia emanato istruzioni in merito. È significativo il confronto tra la disciplina appena citata (legge 13 gennaio 1994, n. 43) e quella relativa alla cessione dei crediti di impresa (legge 21 febbraio 1991, n. 52) che avviene a mezzo del factoring. Entrambe regolano il finanziamento esterno dell’ impresa ma relativamente alla diversità dei finanziatori corrisponde una disciplina differente riguardo ai mezzi utilizzabili e soprattutto alla struttura della impresa finanzianda. Per quanto riguarda la cessione dei crediti d’ impresa, cedibili sono soltanto i crediti nascenti da contratti d’ impresa e imprenditori devono 19 Così l’ articolo 2, legge n. 43, inoltre è considerata quale valore mobiliare dalla legge stessa (articolo 4) e l’ emissione costituisce attività di raccolta pubblica di risparmio (articolo 11, T.U. Bancario). 20 Così la delibera C.I.C.R., 3 marzo 1994, nonché le Istruzioni della Banca d’ Italia, emanate in attuazione di tale deliberazione e pubblicate in G.U., 12 dicembre 1994, n. 289. 21 Ancora la delibera C.I.C.R., 3 marzo 1994.

Anteprima della Tesi di Tommaso Artoni

Anteprima della tesi: L'emissione di titoli di debito nella ''nuova'' srl, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Tommaso Artoni Contatta »

Composta da 151 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7549 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 44 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.