Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La ciclicità delle crisi finanziarie in America Latina

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

II il nome di “globalizzazione”. Così è nato il mio interesse per le vicende della crisi Argentina, al punto che questa tesi doveva riguardare esclusivamente quel particolare evento. Inoltre, non potevo restare indifferente al fatto che un’area potenzialmente ricca di risorse come l’America Latina fosse stata ciclicamente martoriata per anni da devastanti crisi finanziarie, apparentemente inevitabili. Ciò mi ha portato a volerne indagare le ragioni. Così, col tempo, addentrandomi sempre più in tali problematiche, il mio interesse per l’Argentina si è trasformato in un’attrazione per le “crisi” in generale. Proseguendo nel mio percorso, ho potuto vedere come la crisi Asiatica abbia esteso i propri effetti all’intero mondo finanziario, colpendo anche Paesi “lontani” come Brasile e Russia. Dopo il default Russo e il crollo (scongiurato solo all’ultimo) del Long-Term Capital Management Fund negli Stati Uniti, sembrava veramente possibile un effetto domino che coinvolgesse l’intero sistema finanziario mondiale. La crisi Asiatica e le sue conseguenze “globali” hanno svelato la realtà che, in un mondo economicamente integrato, la prosperità e il benessere in Paesi “lontani” possono creare opportunità ovunque, ma ha anche evidenziato che l’instabilità in un’economia lontana può creare incertezza e fragilità in casa propria. Il successo di un singolo Stato può arricchire altri Stati, ma allo stesso modo i suoi errori possono colpirli duramente. Quindi, il primo dato che si può trarre dagli eventi dell’ultimo decennio è l’esistenza di una interdipendenza sovranazionale che deriva da una sempre maggiore integrazione dei commerci e dei mercati dei capitali. Tutto ciò ci porta a sottolineare la crescente importanza di una “governance” efficace, sia a livello nazionale che transnazionale. La concezione tradizionale del conflitto tra “il governo” e “il mercato” può, per molti versi, apparire non veritiera. Un’economia di mercato ha, infatti, bisogno di una gamma di funzioni di cui i mercati, per loro stessa natura, non possono dotarsi autonomamente, tra i quali strutture legislative, educazione, reti di sicurezza sociale, e altre ancora,

Anteprima della Tesi di Michele Napolitano

Anteprima della tesi: La ciclicità delle crisi finanziarie in America Latina, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Michele Napolitano Contatta »

Composta da 147 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4600 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.