Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Tiara di Novgorod. L'origine, la storia e la leggenda

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

23 essere l’unico principato in grado di opporsi alla dominazione dei Tatari dell’Orda d’Oro 39 . Entrambi i regni consideravano la conquista di Novgorod la Grande una logica conseguenza del loro naturale movimento espansionistico e certamente la città non avrebbe mai potuto reggere all’attacco anche solo di una delle due potenze. L’unica speranza di salvezza di fronte a simili minacce, era costituita dallo sfruttamento dell’antagonismo tra le due potenze: soltanto concedendo ora all’una ora all’altra degli apparenti privilegi, la città poté conservare tanto a lungo ed addirittura accrescere la propria autonomia e libertà 40 . Fu questo appunto lo scopo perseguito dalle autorità di Novgorod, con maggiore o minore efficacia, durante tutto il XIV secolo ed in seguito. Tra tutti si distinse per le sue particolari capacità diplomatiche, l’arcivescovo Vasilij (1331-1352), detto “Kalika”, ovvero “il pellegrino” in seguito ai suoi lunghi viaggi in Terra Santa, il quale, riuscì a garantire un periodo di relativa serenità alla città 41 . Dopo la sua morte, tuttavia, l’equilibrio fu messo in crisi dalle rinnovate lotte fra le fazioni. La città si scisse letteralmente in due partiti: da un lato, le classi inferiori cominciarono a propendere per Mosca, dove il ruolo della nobiltà era notevolmente ridotto dal potere del principe; dall’altro, la classe dominante, cominciò invece a parteggiare per un’alleanza col regno polacco-lituano, dove, notoriamente, i nobili godevano di enormi privilegi 42 . 39 V. fig. 7; Onasch 1969, pp. 54-55; Poppe 1993, col. 1310; Chorošev 1980, pp.56; Garzaniti 1988, pp. 79-83. 40 Poppe 1993, col. 1310. 41 V. infra cap. II, par. 3.3.4. 42 Sbriziolo 2000, p. 13; Gitermann 1973, pp. 147-148.

Anteprima della Tesi di Chiara Sanchioni

Anteprima della tesi: La Tiara di Novgorod. L'origine, la storia e la leggenda, Pagina 17

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Chiara Sanchioni Contatta »

Composta da 344 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1765 click dal 27/04/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.