Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'intermodalità tra programmazione in materia di trasporto merci ed equilibri territoriali: il caso Lombardia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1 PARTE PRIMA Politiche Generali dei Trasporti, Intermodalità e Infrastrutture di riferimento CAPITOLO 1 MOVIMENTAZIONE DELLE MERCI E POLITICHE DEI TRASPORTI Il trasporto, specialmente quello delle merci, sta diventando sempre più un elemento di importanza vitale per l’economia di un Paese. Soprattutto in questi anni di globalizzazione e internazionalizzazione dell’economia, dove le varie componenti di molti prodotti vengono costruite in diverse parti del mondo e trasportate in centri di assemblaggio, spesso distanti migliaia di chilometri, più i trasporti sono efficienti, più la rete delle infrastrutture è moderna e capace di fare scorrere in maniera fluida i traffici di merci, maggiori sono i benefici che il sistema saprà trarne. Nello stesso tempo, però, l’organizzazione del sistema di trasporto non è soltanto condizione per lo sviluppo economico, ma è anche elemento che struttura tale sviluppo orientandone gli esiti, anche territoriali. Prima di entrare, quindi, nello specifico della trattazione, si rende necessario focalizzare prima brevemente l’attenzione su ciò che si intende per traffico delle merci, per poi proseguire con quello che è il panorama comunitario del trasporto merci, ovvero la politica dell’Unione Europea, con i suoi principi ispiratori, e quelli che sono gli interventi infrastrutturali prioritari nell’ottica di un sistema europeo dei trasporti definito integrato. 1.1 IL TRASPORTO MERCI Il trasporto delle merci viene spesso definito come “l’ultimo anello della catena logistica” 1 ; la sua importanza deriva anche dal fatto che i suoi costi rappresentano spesso quasi la metà di tutti i costi logistici. Il trasporto in conto proprio, in passato più diffuso, sta perdendo terreno a favore di quello in conto terzi. Se infatti la tendenza è quella di subappaltare a terzi tutte le attività dell’azienda che non abbiano a che fare con il proprio obiettivo principale, non vi è dubbio che il trasporto è tra le prime funzioni che conviene affidare a terzi. Oltretutto, la sua corretta gestione è una mansione abbastanza 1 G.Aguiari – G.Marini “La logistica nell’economia senza frontiere” Franco Angeli Editore, 1999.

Anteprima della Tesi di Gian Carlo Petani

Anteprima della tesi: L'intermodalità tra programmazione in materia di trasporto merci ed equilibri territoriali: il caso Lombardia, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Architettura

Autore: Gian Carlo Petani Contatta »

Composta da 225 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 155 click dal 08/06/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.