Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Economia della Conoscenza. Il distretto ICT Torino Wireless

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 ª da clusters particolarmente concentrati e significativi: i cicli innescati diventano lunghi e si generalizzano a tutto il sistema; si può parlare di vere e proprie rivoluzioni tecnologiche attraverso cui si passa da un paradigma all’altro. In altri termini, i cambiamenti tecnologici sarebbero distribuiti nel tempo in due modi: cambiamenti di tipo incrementalistico (innovazioni derivate), che avvengono all’interno di un paradigma dato e cambiamenti di tipo rivoluzionario che determinano la transizione da un paradigma ad un altro. In tale ultima formulazione si può cogliere l’ispirazione alle tesi di Kuhn sopra citate; ª dalla riduzione di costo di un key factor (fattore chiave) ossia un input, diffuso in molti o tutti i settori, di valore rilevante. Tale riduzione è dovuta all’effetto che propaga l’innovazione di base nel sistema, facendo scattare le innovazioni derivate e sincronizzando i cicli tecnologici specifici di ogni settore. Nella storia i fattori chiave delle rivoluzioni tecnologiche sono stati rispettivamente: il telaio tessile, il carbone-vapore, l’energia elettrica, l’acciaio, il petrolio, fino ad arrivare ai giorni nostri, in cui ha assunto valore preminente l’informazione e più in generale la conoscenza. Come conseguenza del mutamento di prezzo del key factor, si attiva non solo un consumo maggiore ma anche un insieme di innovazioni derivate che cercano di sperimentare tecniche nuove, rese possibili dalla diminuzione di prezzo del fattore. Non si tratta, quindi, di tecniche orientate esclusivamente alla sostituzione del nuovo fattore con agli altri, ma di innovazione tecnologica, innescata dal minor costo del key factor, che acquista natura auto-cumulativa grazie alle innovazioni derivate, creando così nuove conoscenze e strutture;

Anteprima della Tesi di Giancarlo Cicconi

Anteprima della tesi: L'Economia della Conoscenza. Il distretto ICT Torino Wireless, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giancarlo Cicconi Contatta »

Composta da 240 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7515 click dal 12/05/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.