Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le strategie di comunicazione delle società calcistiche italiane

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 2 - Alle radici del calcio moderno 2.1 – Le origini del calcio nell’antichità La pratica del calcio, come quella di ogni altro sport, ha origini antiche. Gli studi finora effettuati hanno permesso di percorrerne le tracce nell'antichità e di ricostruire la sua lenta evoluzione durante il Medioevo, con particolare attenzione al Rinascimento italiano, fino alla genesi del moderno football. Già nelle epoche antiche gli storici hanno trovato tracce consistenti di giochi con la palla, che “furono praticati sotto tutte le latitudini e in tutti i tempi” (A. Ghirelli, 1990, pag. 3). Infatti, Ghirelli nota come “l’antichità ci abbia lasciato una enorme e insospettabile documentazione sui giochi di palla che si praticavano, più o meno simili al nostro calcio, prima e dopo l’avvento di Cristo” (A. Ghirelli, 1990, pag. 3). Tra le primitive genti celtiche e per le popolazioni Maya ed artiche la palla era venerata come un oggetto carico di significati magici e rituali; gli indiani d’America avevano una grande varietà di giochi con la palla, ed esistono prove storiche che essi venissero praticati anche in Cina e Giappone. Il calcio moderno deve comunque le sue origini più antiche “ai giochi greco-romani della palla e a quelli indigeni della Britannia” (AA.VV., 1990, pag. 17). In Grecia e nel mondo latino la palla era un oggetto privilegiato di gioco, tanto che “i maggiori documenti politici della civiltà greca nel periodo eroico, Iliade e Odissea, conservano accenni alle sferomachie coltivate dalle genti greche” (A. Ghirelli, 1990, pag. 3). Già Omero, nell’Odissea, allude al gioco della palla come ad una occasione di svago che coinvolgeva uomini e donne, ed il canto VI dell’Odissea contiene ciò che Ghirelli considera essere la prima cronaca calcistica della quale si abbia memoria. 9 9 In particolare, ci si riferisce al Canto VI dell’Odissea, che riporta i seguenti versi: “La palla lanciò la regina a un’ancella, fallì l’ancella, scagliò la palla nel gorgo profondo. Quelle un lungo grido gettarono: e si svegliò Odisseo luminoso”. Secondo Ghirelli, “questo canto contiene la prima cronaca sportiva di cui si abbia memoria, là dove scrive Nausicaa dalle bianche braccia che sbaglia una specie di goal a porta vuota, mancando il passaggio all’ancella e mandando la palla a rotolare in un profondo vortice, e sveglia con un grido l’avventuroso re d’Itaca”. In particolare, cfr. Ghirelli, A., 1990, pag. 4.

Anteprima della Tesi di Alessandro Prunesti

Anteprima della tesi: Le strategie di comunicazione delle società calcistiche italiane, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Alessandro Prunesti Contatta »

Composta da 265 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5250 click dal 21/05/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.