Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo delle infrastrutture nello sviluppo regionale: la complessità normativa come fattore di rallentamento dei processi decisionali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Per l’individuazione delle tipologie di infrastruttura, in prima approssimazione, utilizziamo una ricerca condotta da Confindustria in collaborazione con Ecoter 4 , dalla quale emerge la classificazione delle infrastrutture nelle seguenti categorie: 1. reti di trasporto quali le strade, le ferrovie, e strutture puntuali quali i porti e gli aeroporti; 2. impianti e reti energetico-ambientali quali le condutture del gas, del petrolio e dell’elettricità, l’erogazione e la canalizzazione dell’acqua, la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti 5 ; 3. reti bancarie e di servizi alle imprese; 4. strutture e reti per la telefonia e la telematica 6 ; 5. strutture sanitarie; 6. strutture per l’istruzione (asili nido, edifici scolastici, università); 7. strutture sportive, sociali, culturali, ricreative e turistiche (palestre, piscine, campi da gioco, teatri, musei, biblioteche, giardini, parchi di divertimento,…) 7 . Dalla categorizzazione soprastante emerge con evidenza la distinzione tra infrastrutture a vocazione sociale e infrastrutture a vocazione economica, distinzione basata sui servizi che esse erogano: infatti le infrastrutture fungono da sostegno ai servizi. Nelle prime rientrano le strutture che erogano servizi quali l’istruzione, la cultura, la sanità, lo sport e l’assistenza all’infanzia, le seconde comprendono le reti che offrono le possibilità di spostamento e le opportunità di comunicazione o che consentono la distribuzione dell’energia, dell’acqua e del gas. 4 Confindustria, Area Mezzogiorno, Area Politiche territoriali, “La dotazione infrastrutturale nelle province italiane”, a cura di Ecoter, novembre 2000, Roma, pagg. 6-9 5 Di Palma, Le infrastrutture a rete, Sipi, Roma, 1990: individua le infrastrutture elencate ai punti 1 e 2 6 Istituto Guglielmo Tagliacarne, Unioncamere, La dotazione infrastrutturale nelle province italiane, 1997: individua le infrastrutture elencate ai punti 3 e 4. 7 Confindustria, Area Politiche territoriali, La dotazione infrastrutturale nelle province italiane, Roma, novembre 2002: individua le infrastrutture elencate ai punti 5, 6 e 7.

Anteprima della Tesi di Antonella Rosalba Scarano

Anteprima della tesi: Il ruolo delle infrastrutture nello sviluppo regionale: la complessità normativa come fattore di rallentamento dei processi decisionali, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Antonella Rosalba Scarano Contatta »

Composta da 204 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2206 click dal 01/06/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.